Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Benedetto XVI, pietra miliare della storia

Condividi

La sua scelta di dimettersi “umanizza” la Chiesa

L'annuncio di Benedetto XVI di porre fine al suo pontificato ha suscitato stupore in tutti i settori, religiosi e laici, con ripercussioni ancor più evidenti in Italia per i tradizionali vincoli che questa ha con il pontefice. La notizia è giunta, inoltre, nel pieno della campagna elettorale, distogliendo improvvisamente dalla cronaca e permettendo di “respirare l'aria della grande storia” (Il Sole 24 ore, 27 febbraio).

Alla vigilia dell'entrata in vigore della rinuncia, che scatterà alle 20.00 di giovedì 28 febbraio, i commenti su questo gesto storico del pontefice sono tutti positivi. Dopo lo sconcerto iniziale, infatti, uomini e donne di fede, laici e atei esprimono giudizi solo a favore della scelta di questo pontefice diventato “una pietra miliare”, tanto che “ci sarà un prima e un dopo papa Ratzinger” (Corriere della Sera, 26 febbraio).

Lungi dall'essere una sconfitta, la sua rinuncia è ritenuta “un momento importante nella storia della Chiesa, che si umanizza”. “Se la Chiesa fosse una repubblica, lo definirei un gran gesto repubblicano, come quello di Cincinnato”, ha commentato Michael Onfray, il più ateo dei pensatori francesi, che pur avendo fatto della scristianizzazione della scienza e della conoscenza occidentale una delle sue principali battaglie non nasconde ammirazione e rispetto per Benedetto XVI (Il Messaggero, 26 febbraio).

Rinunciando alla sua carica, Benedetto XVI ha infatti avuto il coraggio di “spogliarsi di tutto e di cedere il posto a un altro”, dando prova della “stessa disponibilità a obbedire allo Spirito di Giovanni Paolo II”, ha spiegato il filosofo Rémi Brague (L'Osservatore Romano, 27 febbraio), ricordando che “il papa non è una persona sacra, ma il portatore di una funzione”.

Benedetto XVI, ha sottolineato, è del resto “abbastanza teologo” da sapere che “il solo capo, la sola 'testa' della Chiesa, è Cristo risorto”. Il ruolo del papa è invece quello di “custodire e trasmettere, senza dispersioni, il deposito della fede ricevuto dagli apostoli”.

Quello di Joseph Ratzinger si pone dunque come un “gesto profetico”, “ricco di umiltà molto profonda”. “ Il papa non fugge dalla responsabilità ma è consapevole che, nelle sue condizioni fisiche, non può continuare la sua missione. Quindi lascia il suo posto a un altro che il Signore indicherà per guidare la Chiesa in questo momento critico” (Agenzia Sir, 26 febbraio).

Per lo storico delle idee Remo Bodei, “è come se egli avesse voluto sparigliare le carte e aprire il tavolo ad un nuovo gioco” (Il Mattino, 25 febbraio). Secondo il poeta e filosofo Marco Guzzi, “è come se avesse voluto dire che bisogna cambiare radicalmente. Non si è limitato a dirlo, ma ha cominciato a  farlo mettendo in gioco la sua stessa persona. Il suo è stato, insieme, un atto di umiltà, di coraggio e di sfida: il riconoscimento dei limiti e della fragilità del corpo e della mente di ogni uomo, ma anche la volontà di segnare un nuovo inizio, affidato però a chi verrà dopo di lui” (“Viandanti”, 25 febbraio).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.