Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 18 Ottobre |
Sant'Ignazio di Antiochia
Aleteia logo
home iconChiesa
line break icon

Benedetto XVI, pietra miliare della storia

Aleteia - pubblicato il 27/02/13

La sua scelta di dimettersi “umanizza” la Chiesa

L'annuncio di Benedetto XVI di porre fine al suo pontificato ha suscitato stupore in tutti i settori, religiosi e laici, con ripercussioni ancor più evidenti in Italia per i tradizionali vincoli che questa ha con il pontefice. La notizia è giunta, inoltre, nel pieno della campagna elettorale, distogliendo improvvisamente dalla cronaca e permettendo di “respirare l'aria della grande storia” (Il Sole 24 ore, 27 febbraio).

Alla vigilia dell'entrata in vigore della rinuncia, che scatterà alle 20.00 di giovedì 28 febbraio, i commenti su questo gesto storico del pontefice sono tutti positivi. Dopo lo sconcerto iniziale, infatti, uomini e donne di fede, laici e atei esprimono giudizi solo a favore della scelta di questo pontefice diventato “una pietra miliare”, tanto che “ci sarà un prima e un dopo papa Ratzinger” (Corriere della Sera, 26 febbraio).

Lungi dall'essere una sconfitta, la sua rinuncia è ritenuta “un momento importante nella storia della Chiesa, che si umanizza”. “Se la Chiesa fosse una repubblica, lo definirei un gran gesto repubblicano, come quello di Cincinnato”, ha commentato Michael Onfray, il più ateo dei pensatori francesi, che pur avendo fatto della scristianizzazione della scienza e della conoscenza occidentale una delle sue principali battaglie non nasconde ammirazione e rispetto per Benedetto XVI (Il Messaggero, 26 febbraio).

Rinunciando alla sua carica, Benedetto XVI ha infatti avuto il coraggio di “spogliarsi di tutto e di cedere il posto a un altro”, dando prova della “stessa disponibilità a obbedire allo Spirito di Giovanni Paolo II”, ha spiegato il filosofo Rémi Brague (L'Osservatore Romano, 27 febbraio), ricordando che “il papa non è una persona sacra, ma il portatore di una funzione”.

Benedetto XVI, ha sottolineato, è del resto “abbastanza teologo” da sapere che “il solo capo, la sola 'testa' della Chiesa, è Cristo risorto”. Il ruolo del papa è invece quello di “custodire e trasmettere, senza dispersioni, il deposito della fede ricevuto dagli apostoli”.

Quello di Joseph Ratzinger si pone dunque come un “gesto profetico”, “ricco di umiltà molto profonda”. “ Il papa non fugge dalla responsabilità ma è consapevole che, nelle sue condizioni fisiche, non può continuare la sua missione. Quindi lascia il suo posto a un altro che il Signore indicherà per guidare la Chiesa in questo momento critico” (Agenzia Sir, 26 febbraio).

Per lo storico delle idee Remo Bodei, “è come se egli avesse voluto sparigliare le carte e aprire il tavolo ad un nuovo gioco” (Il Mattino, 25 febbraio). Secondo il poeta e filosofo Marco Guzzi, “è come se avesse voluto dire che bisogna cambiare radicalmente. Non si è limitato a dirlo, ma ha cominciato a  farlo mettendo in gioco la sua stessa persona. Il suo è stato, insieme, un atto di umiltà, di coraggio e di sfida: il riconoscimento dei limiti e della fragilità del corpo e della mente di ogni uomo, ma anche la volontà di segnare un nuovo inizio, affidato però a chi verrà dopo di lui” (“Viandanti”, 25 febbraio).

Tags:
papa benedetto xviponteficerinuncia al ministero petrino
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
2
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
3
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
4
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
5
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
6
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
7
CARLO ACUTIS
Silvia Lucchetti
“I primi miracoli mio figlio li fece il giorno del funerale”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni