Aleteia
mercoledì 30 Settembre |
San Girolamo
News

Pedofilia e abusi: Meter, boom di siti “nascosti”

Aleteia | Wed Feb 20 2013

Nel Rapporto annuale dell'associazione di don Fortunato di Noto

E’ il ''deep web'',  la zona 'sommersa'  e profonda delle Rete il luogo ideale di incontro e di scambio dei delinquenti. Con 56.357 siti monitorati e segnalati in un solo anno, questo mondo nascosto è circa 550 volte più vasto rispetto al web visibile: i file in chiaro sono circa 2 miliardi, quelli sommersi 550 miliardi. Una zona franca utilizzata dai pedofili e dai pedocriminali in quasi perfetto anonimato e che le Polizie del mondo, ma anche le agenzie educative e di prevenzione faticano a controllare. A denunciare il fenomeno è il Report 2012 dell'Associazione Meter, il cui leader è don Fortunato Di Noto, presentato martedì a Roma.

 A fronte di questi nuovi pericoli, la pedopornografia continua a imperversare su internet, anche se con un lieve calo dei siti. Si è passati infatti da 20.390 del 2011 a 15.946 nel ''web visibile''. Aumenta invece la presenza della produzione, divulgazione e detenzione di materiale pedofilo e di abusi sui bambini. Cresce il pericolo pedofilia sui social network, con 1.274 segnalazioni ricevute rispetto alle 1.087 del 2011.

Per quanto riguarda i 'domini', cioè gli indirizzi web dei siti, la Russia con le estensioni .ru e .su copre 571 siti segnalati. L'Asia è rappresentata in primo luogo dal Giappone con il dominio .jp  (267 siti), l'Africa in egual misura dalla Libia e dalle Isole Mauritius (rispettivamente 80 e 79), l'America dagli Stati Uniti (67) e l'Oceania dalle Isole Cocos (37). L'Italia ricopre un piccolo ruolo all'interno del panorama della criminalità pedofila in rete con 36 siti su 1.560 individuati. 

"Il ruolo marginale del nostro Paese può essere ricondotto all'efficienza della costante lotta alla pedopornografia online alla quale contribuisce Meter con la Polizia Postale e con il Ministero dell'Interno", si legge nel Rapporto. Nella hit parade della 'vergogna' spiccano i Paesi del gruppo Bric, Brasile, Russia, India, Cina. Eccezion fatta per il Brasile, il gruppo Russia, India, Cina, ''pesa'' per un totale di 757 segnalazioni, cioè quasi il 50% sul totale. Ed è ancora più inquietante, guardando all'Asia, come il Giappone da solo riesca a superare ed assorbire India e Cina.

Aumenta anche il fenomeno del sexting, ovvero l'invio di immagini o testi a sfondo sessuale attraverso chat, social network, sms o mms. Nel 2012 sono state individuate 5.640 persone che, senza riflettere sulle conseguenze, mettono in rete materiale a sfondo sessuale, con il rischio di diventare vittime ricattate da adulti o coetanei particolarmente pericolosi.

Altrettanto grave e allarmante l'adescamento (grooming) e il ricatto legato a questa tecnica usata da molti pedofili attraverso l'uso delle nuove tecnologie per conquistare la loro fiducia fino ad arrivare a chiedere un incontro faccia a faccia. L’associazione Meter ha anche illustrato l’attività del suo Centro di ascolto, che raccoglie appelli di aiuto da tutto il mondo. Sono stati 61 i casi seguiti nel 2012 contro i 28 dello scorso anno e quasi mille le consulenze telefoniche. Lazio, Veneto, Sicilia e Lombardia le regioni dalle quali provengono la maggior parte di richieste di aiuto.

Dall'estero sono giunte 8 richieste di consulenza (Germania, Svizzera, Francia, Bielorussia, Marocco e Belgio). Importanti anche gli incontri dei volontari di Meter nelle scuole. L’anno scorso sono stati in 53 istituti scolastici dove hanno incontrato 8190 studenti. Meter ha anche annunciato che quest’anno la “Giornata Bambini Vittime della Violenza” si svolgerà con una serie di iniziative in tutta Italia dal 25 aprile al 6 maggio e avrà come tema “La Fede senza le opere…Per i bambini è morta”.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
abusimeterpedofiliasocial network
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: "Ho visto i ...
Gelsomino Del Guercio
Parla il sacerdote che ha vinto 35mila euro a...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Oleada Joven
Lettera di Gesù a te: dalla mia croce alla tu...
LUXOR FILM FESTIVAL
Zoe Romanowsky
Un filmato potente di appena un minuto sul ma...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni