Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 31 Ottobre |
San Wolfgang di Rägensburg
home iconChiesa
line break icon

Conclave: i cardinali sono (quasi) pronti

Roberta Sciamplicotti - pubblicato il 18/02/13

Dopo gli esercizi spirituali, via alle discussioni sul nuovo papa

Gli esercizi spirituali quaresimali in svolgimento in Vaticano dal 17 al 23 febbraio frenano ancora un po' i contatti pre-conclave, ma al loro termine i cardinali inizieranno a parlare sul serio di chi scegliere come successore di Benedetto XVI.


Il papa dimissionario avrà nel conclave “uno straordinario ruolo spirituale” mediante “il suo esempio, la sua preghiera”, ma non in altro modo, “perché ha già detto con la sua caratteristica umiltà che non vuole avere alcuna influenza diretta sul Conclave”, come ha ricordato il cardinale Timothy Dolan, arcivescovo di New York (Vatican Insider, 18 febbraio).

I “partiti” dei cardinali a sostegno di questo o quel candidato non si sono ancora definiti in modo chiaro, ma se c'è una cosa su cui tutti più o meno sono d'accordo è che sarà difficile prescindere dal “partito nordamericano”, perché significherebbe sottovalutare “uno degli episcopati più potenti e influenti della Chiesa; e non solo per questioni finanziarie” (Corriere della Sera, 18 febbraio). Poco conta che i membri di questo schieramento siano in tutto 14 – inclusi due canadesi -, ovvero la metà degli italiani con diritto di voto.

Il cattolicesimo negli Stati Uniti ha infatti ripreso forza, grazie soprattutto all'arrivo di immigrati dall'America centrale e meridionale, ma malgrado tutto nella lista dei “papabili” gli statunitensi “appaiono sempre in coda”. Per Thomas Reese, della Georgetown University, l'ateneo dei gesuiti a Washington, il Conclave “non amerebbe eleggere una persona che proviene dalla superpotenza mondiale”, perché “la gente penserebbe che la sua elezione sia stata combinata dalla Cia o 'comprata' da Wall Street”.

 Non si è poi spenta l'eco dello scandalo degli abusi sessuali. A questo riguardo, molti cattolici del Paese si sono opposti all'idea della partecipazione al Conclave del cardinale Roger Mahony, ex arcivescovo di Los Angeles che il suo successore, José Gómez, ha sollevato da tutti gli impegni pubblici per non aver denunciato i nomi dei sacerdoti pedofili e per la cattiva gestione dei presunti abusi sessuali su bambini negli anni Ottanta (Repubblica, 18 febbraio). Un gruppo di fedeli ha annunciato una petizione per chiedere al cardinale di rinunciare a partecipare al Conclave. Per il National Catholic Review, il papa “dovrebbe quantomeno impedirgli di votare”, mentre per il Washington Post Mahony “è fortunato a non essere in prigione”.


Non è da sottovalutare anche il resto dei Paesi americani, a cominciare dal Canada e continuando con l'America Latina. Dato che le logiche geopolitiche giocano da sempre “un ruolo formidabile dentro il conclave”, bisogna ricordare che nessun Paese al mondo ha tanti cattolici quanto il Brasile (134 milioni), da cui potrebbe quindi uscire un candidato (Repubblica, 18 febbraio).

Ci sono poi il cosiddetto “partito dell'Appartamento papale”, che si delinea attorno alle nomine cardinalizie fatte da Joseph Ratzinger – 67 elettori su 117 totali, mentre il quorum per diventare papa è ai due terzi, 78 – e i “bertoniani”, dove in prima linea c'è non tanto il Segretario di Stato quando alcuni suoi “fedelissimi”.


Consensi potrebbero poi raccogliere i candidati capaci di “portare la Chiesa ad abbracciare un nuovo inizio”, ovvero africani e asiatici. Un nome che emerge è quello del neo-cardinale Luis Antonio Tagle, 56enne arcivescovo di Manila (Filippine) (L'Unità, 18 febbraio), che per il vaticanista John Allen “ha la mente di un teologo, l’anima di un musicista e il cuore di un pastore”, oltre ad essere “un comunicatore di talento, ricercato speaker sui media”.

Se al di là delle congetture sembra esserci “un imbarazzo generale per il fatto che non esiste una candidatura che si imponga con gran forza” (Repubblica, 18 febbraio), i primi conciliaboli tra porporati enumerano già le qualità richieste al successore: “che abbia capacità pastorale, che sia in salute, che sia dotato di grande correttezza dottrinale ma anche in grado di trascinare, di trasmettere forza e speranza, che abbia capacità di governo”. Su quest'ultimo punto “emerge la critica, durissima, non solo a papa Ratzinger ma anche al suo precedessore Wojtyła”, perché ad alcuni sembra che nessuno dei due abbia saputo “gestire la Curia”.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
cardinalipapa benedetto xvipontefice
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Annalisa Teggi
"Dite ai miei figli che li amo": ecco chi è l...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Silvia Lucchetti
Rischiava l'amputazione delle gambe. Oggi ha ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni