Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Ottobre |
San Gaetano Errico
home iconChiesa
line break icon

Come sarebbe un papato africano?

padre Dwight Longenecker - pubblicato il 16/02/13

Da più parti si guarda a un pontefice non europeo

Il romanzo più famoso di Joseph Conrad esplora i temi dell’oscurità e della luce attraverso una giornata nell’Africa più oscura, e da allora questo continente è stato caratterizzato come un luogo di oscurità, povertà, violenza, superstizione, malattia e morte.

Non si può negare che la maledizione della schiavitù, il depredamento del colonialismo e la violenza delle guerre etniche e intertribali abbiano macchiato una parte del bel continente africano, ma ci sono molte buone ragioni per considerare l’Africa di oggi non come il cuore delle tenebre, ma come un continente di speranza, gioventù e con un futuro brillante… soprattutto per i cattolici.

Il cristianesimo è in crescita in Africa, e il cattolicesimo è il settore in cui i cristiani aumentano di più. Quando papa Benedetto XVI ha visitato il continente nel 2009 c’erano circa 158 milioni di cattolici. Nel 2025 ce ne saranno 230 milioni, un sesto dei cattolici del mondo intero. Il più grande seminario del mondo si trova in Nigeria, e l’Africa offre la più alta percentuale di nuovi sacerdoti al mondo. Il continente esibisce con orgoglio i suoi 16 cardinali; tra questi Peter Turkson, del Ghana, è in cima alla lista di molti per la successione a Benedetto XVI.

Sarebbe possibile eleggere un papa africano? Philip Jenkins, autore de “La prossima cristianità”, ha scritto che “la prospettiva di un papa di colore africano eccita comprensibilmente i cristiani di tutti i settori politici”. Lo stesso cardinale Ratzinger, tre anni prima della sua elezione al pontificato, suggeriva che un papa africano sarebbe “del tutto plausibile” e “un segno meraviglioso per tutta la cristianità”. Avrà accettato il papato prevedendo che sarebbe stato una transizione tra il pontificato radicale di Giovanni Paolo II e un papa ancor più radicale dell’Africa?

Come sarebbe un papato africano? In primo luogo, un pontefice africano porterebbe una prospettiva del tutto diversa al cattolicesimo mondiale. La sua comprensione della fede sarebbe condizionata dalla conversione relativamente recente dell’Africa dalle religioni tribali. Il cardinale Francis Arinze, ad esempio, è stato allevato in seno a una religione tribale e si è poi convertito al cattolicesimo. La lunga storia dell’Europa fusa con il cattolicesimo a tutti i livelli è per gli africani un tema di studio, e non un’esperienza primaria. Ciò darebbe al nuovo papa un’inclinazione del tutto nuova nella fede cattolica.

Questo significa che la presa di coscienza sull’Africa, il suo potenziale e i suoi problemi inizierebbero ad essere presenti nella mente di tutti i cattolici. Come il pontificato di Giovanni Paolo II ha aperto i cattolici del mondo alla sofferenza della Polonia e dei Paesi dell’Est europeo, così un pontefice africano catalizzerebbe l’attenzione del mondo sull’Africa.

Un papato africano porterebbe anche alla ribalta il conflitto tra islam e cattolicesimo. In alcuni Paesi africani le due religioni si fanno una concorrenza spietata, suscitando violenze e persecuzioni. La guerra aperta tra cristiani e musulmani in Africa getterà luce sullo stesso conflitto che si agita sotto la superficie in Europa e in America del Nord. Un papa africano avrebbe la possibilità di comprendere meglio il conflitto con l’islam, ma vi sarebbe coinvolto in prima persona, così come sarebbe coinvolto nella ricerca di una soluzione.

Un papa africano aiuterebbe, inoltre, anche a sviare un po’ l’attenzione dell’Europa e del Nordamerica verso alcune questioni ritenute cruciali ma verso le quali gli africani sono del tutto indifferenti. L’intellettualismo nordamericano ed europeo sembra ossessionato dall’uguaglianza dei diritti, dal matrimonio omosessuale, dall’ordinazione femminile, dalla contraccezione e dalle questioni di genere. La maggior parte degli africani non si interessa a tali questioni. In realtà, provano disgusto di fronte alla decadenza occidentale.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
africapontificato
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
VITIGUDINO
Gelsomino Del Guercio
Prima brillante medico, poi suora: la bella s...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni