Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 25 Gennaio |
Conversione di Paolo
home iconNews
line break icon

La grande sfida di oggi? La colonizzazione della natura umana

Aleteia - pubblicato il 14/01/13

Pubblicato il IV Rapporto sulla Dottrina Sociale della Chiesa nel mondo

Per il quarto anno consecutivo, l’Osservatorio Cardinale Van Thuân, in collaborazione con altri cinque centri di ricerca, ha fatto il punto sulla Dottrina sociale della Chiesa nei cinque continenti nel IV Rapporto dedicato al tema, segnalando i fatti nuovi, le sfide emergenti e i principali insegnamenti del magistero.



Il presidente dell'Osservatorio, mons. Giampaolo Crepaldi, vescovo di Trieste, ha commentato il titolo del Rapporto di quest'anno, “La colonizzazione della natura umana”, sottolineando le enormi pressioni internazionali affinché i Governi cambino la loro tradizionale legislazione sulla procreazione, sulla famiglia e sulla vita.



Nel Rapporto viene usato il termine “colonizzazione” perché “è il frutto della mentalità dell’Occidente sazio e nichilista che si vuole esportare con pressioni”. L’Occidente, ha spiegato monsignor Crepaldi, una volta colonizzava nel senso classico del termine, ora lo fa culturalmente, “proponendo una mentalità contraria alla legge morale naturale e facendo pressione perché gli Stati ancora 'arretrati' entrino finalmente nel 'progresso'” (Osservatorio Internazionale Cardinale Van Thuân, 20 dicembre 2012).



Come si segnalava già nei Rapporti precedenti, l’attacco è rivolto principalmente ai Paesi dell’America Latina. In Argentina, Paese di tradizione cristiana, solo nel 2011 sono state ad esempio elaborate o approvate “una legge sulla procreazione artificiale che ha denaturalizzato la procreazione”, “una legge sul riconoscimento sulla 'identità di genere' che ha denaturalizzato la famiglia” e “una modifica del Codice civile per permettere l’'utero in affitto' che ha denaturalizzato la genitorialità”.



Lo studio dell'anno del Rapporto in questione è dedicato all'ideologia di genere, che si è diffusa senza incontrare una vera opposizione nei Paesi avanzati ed è ora esportata con sistematicità nei Paesi emergenti e poveri. Ideologia “sottile e pervasiva”, fa appello ai “diritti individuali” di cui l’Occidente ha fatto il proprio dogma e a “una presunta uguaglianza tra individui asessuati” per realizzare “una decostruzione dell’intero impianto sociale”.



Il risultato è un rovesciamento di valori. “Se non il sesso, come dato antropologico complessivo, ma la sessualità come comportamento è all’origine delle relazioni sociali, allora queste non ci sono ‘date’ ma sono da noi ‘scelte’”, si legge nel Rapporto (Korazym.org, 7 gennaio). Si potrebbe allora facilmente arrivare alla “discriminazione dell’eterosessualità, ossia della differenza sessuale, e della imposizione culturale della transessualità, ossia dell’indifferenza sessuale”.



La denuncia del Rapporto è durissima. Se la vecchia colonizzazione “tra i tanti aspetti negativi ne aveva avuti anche di eroici ed era sospinta da un desiderio di esportare qualcosa di significativo”, la nuova colonizzazione è invece “ l’esportazione del nulla”, che è anche un attacco diretto alla Chiesa cattolica, perché “abolendo per legge la famiglia naturale, si impedisce di fare esperienza della famiglia”; fare questa esperienza, però, ha una funzione sì sociale, ma ha anche una funzione religiosa, perché tutto il lessico della vita cristiana è un lessico “familiare”, e chi non sa cosa voglia dire padre, madre, figlio, sposa o sposo non può comprendere la rivelazione cristiana. 

Tags:
bioetica
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
4
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
5
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
6
Tzachi Lang, Israel Antiquities Authority
John Burger
Un'iscrizione che riporta “Cristo nato da Maria” ritrovata in un'...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni