Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 18 Gennaio |
Santa Margherita d'Ungheria
home iconApprofondimenti
line break icon

Solo una profonda riflessione etica può salvare il capitalismo

Aleteia - pubblicato il 06/12/12

Il primato della persona è il valore da riscoprire

Si stanno rivelando profetiche le parole che papa Giovanni Paolo II disse nel 1989, nei giorni dell'euforia per la caduta del Muro di Berlino, a Joaquín Navarro-Valls: “Il capitalismo ha bisogno di una profonda riflessione etica” (Agenzia Sir, 3 dicembre).

Era l'epoca dell'invito ad arricchirsi dopo le difficoltà attraversate dal mondo occidentale negli anni Settanta, e il tutto è proseguito fino a cinque anni fa, quando è crollato il castello di carte costruito dalla speculazione finanziaria anglosassone, adottato da buona parte dei Paesi.

Nel lungo periodo di benessere, costruito – come poi si è scoperto – su debiti dolorosi da ripagare, hanno soprattutto “trionfato i soldi”, passati da mezzo a fine, “da valore economico a valore quasi etico”, mentre “a retrocedere è stato l’uomo”. Nella maggior parte del mondo occidentale si impone quindi con urgenza la riflessione invocata da papa Wojtyła, soprattutto da parte di una classe politica che ha scelto spesso e per molto tempo “un profilo basso, quasi mediocre”, “un tirare a campare lasciando correre”.

In questo contesto, si è levata anche la voce di Benedetto XVI, che ricevendo il 3 dicembre in udienza i partecipanti alla plenaria del Pontificio Consiglio della giustizia e della pace ha ricordato come anche in periodi di recessione economica si debba sempre difendere il primato della persona, che non può essere degradata a capitale umano o a “parte di un ingranaggio produttivo e finanziario” (L'Osservatore Romano, 4 dicembre).

L'essere umano, “costitutivamente trascendente” rispetto agli altri esseri e beni terreni, gode di un “reale primato” che lo pone come “responsabile di se stesso e del creato” (Avvenire.it, 3 dicembre).

Anche se la difesa dei diritti ha fatto grandi progressi, la cultura odierna, caratterizzata tra l’altro da “un individualismo utilitarista e un economicismo tecnocratico”, tende a svalutare la persona, ritenendola una mera “risorsa” (Vatican Insider, 3 dicembre). Malgrado si continui a proclamare la dignità della persona, ha spiegato il papa, si affermano nuove ideologie, che contribuiscono sempre più a considerare il lavoratore dipendente e il suo lavoro “beni minori”, e a “minare i fondamenti naturali della società, specialmente la famiglia”.

In un panorama simile, i cristiani devono impegnarsi in una “nuova evangelizzazione del sociale” che aiuti a “detronizzare gli idoli moderni” e a sostituire l’individualismo, il consumismo materialista e la tecnocrazia con la cultura della fraternità, della gratuità e dell’amore solidale.

Poiché per il cristianesimo il lavoro è “un bene fondamentale per l'uomo”, l'obiettivo dell'accesso al lavoro per tutti è quindi “sempre prioritario”, anche se l'economia è in crisi (Radio Vaticana, 3 dicembre). E a questo proposito, ad esempio, in Italia la precarietà ha ormai toccato livelli record, tra i giovani ma anche tra gli adulti. In aumento anche gli scoraggiati che non cercano neanche più lavoro, e che tra luglio e settembre hanno raggiunto quasi 1,6 milioni (Avvenire.it, 3 dicembre).


Anche se la Chiesa non ha il compito di suggerire, dal punto di vista giuridico e politico, la configurazione concreta di un ordinamento internazionale, offre a chi ne ha la responsabilità i principi di riflessione, criteri di giudizio e orientamenti pratici che possano garantirne “l’intelaiatura antropologica ed etica attorno al bene comune”. Non, quindi, un “superpotere” concentrato nelle mani di pochi, che dominerebbe su tutti i popoli sfruttando i più deboli, ma un'autorità da intendere innanzitutto come “forza morale”, in un contesto sempre più complicato.

Tags:
capitalismoetica
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Van...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Papa Giovanni Paolo II
Philip Kosloski
La formula di San Giovanni Paolo II per sconf...
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anch...
DEATH PENALTY
Don Fortunato Di Noto
«"Cara" Lisa, oggi morirai con l'iniezione le...
DEATH PENALTY
Don Fortunato Di Noto
«"Cara" Lisa, oggi morirai con l'iniezione le...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni