Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il card. Biffi agli atei dichiarati: non si può “sapere” che Dio non esiste

Condividi

“Dopo Auschwitz non è più possibile non credere in Dio”

Nel suo nuovo saggio “Epifania: l'invisibile che si manifesta” (Cantagalli), il cardinale Giacomo Biffi, arcivescovo emerito di Bologna, si rivolge ai cosiddetti “atei dichiarati” ricordano loro che in realtà non possono “sapere” che Dio non esiste.

Nella nota introduttiva del testo, apparsa sul quotidiano “Avvenire”, il porporato spiega che agli atei dichiarati “è consentito 'ipotizzare' che Dio non esista, è consentito 'desiderare' che Dio non esista, è consentito 'sperare' che Dio non esista; ma, parlando propriamente, non possono 'sapere' se Dio esiste o non esiste”.

Un elenco aprioristico, universale e sistematico di 'ciò che non esiste'”, sottolinea infatti, “è precluso alle nostre facoltà conoscitive”, essendo “un privilegio esclusivo del Dio onnisciente (supposto che un Dio siffatto ci sia)”.

Il cardinale ricorda anche una delle affermazioni sostenute a più riprese, ovvero “Dopo Auschwitz non è più possibile credere in Dio”.

Il senso sotteso all'asserzione sarebbe questo: “come si fa a supporre che esista un Essere – per definizione intrinsecamente onnisciente e onnipotente – che non sia intervenuto a impedire tanto orrore? O non ne è stato capace, e allora dov'è la sua decantata onnisciente onnipotenza? O non ha avuto alcuna ripugnanza verso questa spavalda violazione di ogni principio morale e non ha avuto nessuna pietà per tanta gratuita e immeritata sofferenza. In sintesi: un essere così debole, così cieco, così impietoso, non merita proprio di esistere”.

Il porporato ricorda allora che “non è che con l'esclusione dell'ipotesi dell'esistenza di Dio sarebbe eliminato ogni orrore dalla vicenda umana”, e “Auschwitz non per questo cesserebbe di essere una nefandezza irrimediabilmente avvenuta”. E allo stesso modo “se Dio non ci fosse, il male del mondo incomberebbe su di noi con tutta la sua opprimente opacità”.

“Ma se Dio c'è – continua –, ci sarà oltre tutti i tormenti e le atrocità di quaggiù uno spazio ultimo e risolutivo, dominato da una superiore equità e da una trascendente misericordia. Solo se l'ultima parola su di noi sarà pronunciata da una Divinità, ci riesce di continuare a sperare che i conti possano essere un giorno pareggiati e l'assurdo sia vinto. Solo chi attende una vita ben diversa oltre questa nostra vita miserabile, può credere in un trascendente recupero di una giustizia che sulla terra appare continuamente oltraggiata”.

Per questo, la conclusione del cardinale Biffi è esattamente l'opposto: “Dopo Auschwitz non è più possibile non credere in Dio”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.