Aleteia

Meglio che non mi parli di Dio. Mi dà fastidio e so già quello che devo sapere…

Condividi
Commenta

di Kristina Hjelkrem

Il cattolico che ama Dio ha un grande desiderio di condividere questo amore con gli altri, di evangelizzare. Può essere che spesso vi siate trovati di fronte a qualcuno che la pensa o vive come voi e allora abbiate intavolato un dibattito. Vi potete trovare di fronte a due tipi di cristiano: il non praticante o ateo, che preferisce condurre una vita parallela al Signore e agli insegnamenti della Chiesa (correnti di pensiero diverse, il Big Bang, l’inesistenza di una vita dopo la morte, ecc.), e quello che preferisce allontanarsi, da Dio e dalla Chiesa in sé.

Per parlare di questo, condivido con voi questo video:

È chiaro che l’umanità è molto ferita: ci sono grandi ingiustizie nel mondo che non sembrano avere soluzione, e le persone affrontano circostanze personali sempre più complesse. Nella ricerca continua di consolazione e riposo, l’ascolto d’amore e di misericordia è l’unica cosa a cui il cuore anela davvero, ma a volte la dinamica della libertà dell’uomo e della bontà di Dio è molto complessa per il cuore.

Adoro una delle frasi con cui inizia la seconda parte del video: “La mia intenzione è semplicemente farti sapere che quello che ti hanno insegnato fin da piccolo non è tutto ciò che esiste”. Credo che il nostro atteggiamento quando evangelizziamo debba essere questo.

La Chiesa è santa ed è di Cristo, ma allo stesso tempo è composta da persone che sbagliano e peccano. Gli orrori che la società a volte attribuisce alla Chiesa possono essere attribuiti solo a certe persone concrete al suo interno, e in genere si tratta di atti che la Chiesa stessa condanna ritenendoli sbagliati. Invitare a vedere che gli errori di certi membri della Chiesa non sono “tutto ciò che esiste” è invitare a conoscere i grandi santi come San Giovanni Paolo II e Santa Madre Teresa di Calcutta, a partecipare alle attività organizzate dalle parrocchie per assistere poveri e malati, a studiare gli insegnamenti della Chiesa che illuminano la vita dell’uomo (ad esempio la Teologia del Corpo di Giovanni Paolo II o la Amoris Laetitia di Papa Francesco).

Allo stesso modo, riguardo a Dio, dobbiamo invitare a vedere che il dolore, la morte e gli errori delle persone non sono “tutto ciò che esiste”. C’è di più: ci sono amore, bellezza, bontà. Uno degli errori più grandi in cui incorrono i cuori delle persone della nostra epoca è identificare Dio con le persone che lo seguono. Per quanto sia superfluo dirlo, esiste una grande differenza: Dio è l’amore perfetto, mentre noi esseri umani cerchiamo in modo imperfetto di arrivare all’amore. Dio non sbaglia, non ferisce, vuole letteralmente solo amare il mondo intero.

Come apostoli di Cristo, è importante avere chiare queste idee non solo per saper comprendere le persone che non confidano nell’immagine della Chiesa o di Dio, ma anche per saperle portare a conoscere davvero Dio, eliminando dal dibattito quelle “ombre” che non si possono attribuire a Lui.

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensate…

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Condividi
Commenta
Questa storia ha come tag:
amorechiesamisericordiapeccato
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni