Aleteia

6 brani di Tom Waits dai toni cristiani

Condividi
Commenta

Il prolifico artista ha esplorato il mondo, il suono, e la fede

Pochi artisti hanno raggiunto la popolarità con un sound graffiante e grintoso come Tom Waits. Con il suo atteggiamento da vagabondo e suoni al limite dell’oltraggioso, Waits ha sperimentato così spesso che è difficile da classificare in un genere preciso.

Poeta oltre che musicista, Waits intreccia immagini vivide attraverso una metafora intelligente. Dove un uomo vede un salice, Waits vede un “albero pelle e ossa”. Dove una persona fumare una sigaretta da sola, Tom  “i suoi amici li fuma fino al filtro”.

Per nulla intimorito di tracciare una linea di separazione tra pop ed eclettismo, Waits ha scritto molte canzoni con elementi cristiani. Oggi vorremmo condividere con voi alcune delle nostre preferite:

Take Care of All My Children

Bright and early Sunday morning with my walking cane

I’m going up to see my Lord

L’accompagnamento di trombe e rullanti fa immaginare Waits che conduce una folla di musicisti di New Orleans fino alla strada per la chiesa. Sotto forma di inno, con un ritmo trionfale, sarebbe l’ideale per una processione domenicale.

Way Down in the Hole

He got the fire and the fury at his command.

Con un coro di ottoni, che sembrano automobili che suonano il clacson mentre accelerano, Waits rappresenta la vita frenetica della città. Mette in guardia contro la tentazione di alimentare i propri demoni interiori, suggerendo di mantenere a bada il diavolo in noi.

I’ve Been Changed

Angels in Heaven gonna sign my name.

Il tremolo della chitarra dà una costante sensazione di destabilizzazione. Quasi come se tremassero le gambe dopo una profonda rivelazione spirituale. Un’esibizione che Tom Waits fa con tutto il corpo.

Come Up to the House

Come down off the cross, we can use the wood

Una chiamata molto più esplicita di “Take Care of All My Children”. Un inno che è accentuato da un audace assolo di armonica. Togliete la batteria ed aggiungete un coro di voci ad ogni “Come on up to the house” e potrebbe essere perfettamente utilizzato in una funzione.

Jesus Gonna Be Here

Well I’m just gonna wait here

I don’t have to shout

L’approccio di Waits a questo vecchio spiritual è minimalista e un po’ ripetitivo. Evoca lo spirito con cui la canzone veniva cantata in origine dagli schiavi, durante il lavoro. Più volte, nell’arco della canzone, inserisce un insulto, dando l’impressione di aver bevuto un bicchiere o due.

Down There by the Train

Where the sinner can be washed in the blood of the lamb

Accompagnato dal pianoforte, Waits ritrae l’immagine di una cittadina dormiente, costruita attorno a un treno.

Seguici su Facebook

 

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni