Aleteia

Preghiera di guarigione e liberazione nel matrimonio

Condividi
Commenta

Va recitata in un ambiente propizio e preferibilmente senza interruzioni

Se poi qualcuno non si prende cura dei suoi cari, soprattutto di quelli della sua famiglia, costui ha rinnegato la fede ed è peggiore di un infedele

1 Timoteo 5,8

Questa preghiera per la guarigione e la liberazione nel matrimonio dev’essere recitata in un ambiente propizio e preferibilmente senza interruzioni.

Nel nome del Padre, e del Figlio, e dello Spirito Santo,

Amen.

Signore Gesù, in questo momento voglio mettermi alla tua presenza e chiederti di inviare i tuoi angeli perché stiano con me e si uniscano alla mia preghiera per la mia famiglia.

Abbiamo vissuto momenti difficili, momenti dolorosi, situazioni che hanno tolto pace e tranquillità a tutta la nostra famiglia. Situazioni che hanno provocato in noi angoscia, paure, incertezze, sfiducia – insomma, disunione.

Non sappiamo più a chi ricorrere, non sappiamo più a chi chiedere aiuto, ma siamo consapevoli di aver bisogno del tuo intervento.

Per questo, per il potere del tuo nome, chiedo che si spezzi qualsiasi situazione di interferenza degli standard negativi di matrimoni e relazioni che hanno avuto i miei antenati fino ai nostri giorni. Standard di infelicità nella vita matrimoniale, standard di sfiducia tra i coniugi, abitudini compulsive di peccati che si sono trascinate di generazione in generazione tra tutte le famiglie, come una maledizione. Che si spezzino ora per il potere del nome e del sangue di nostro Signore Gesù Cristo.

Non importa, Gesù, dove tutto abbia avuto inizio, quali siano state le cause. Voglio, per l’autorità del tuo nome, chiedere che il tuo sangue venga effuso su tutte le generazioni passate, perché tutta la guarigione e la liberazione necessaria raggiunga tutti ora, per il potere del tuo sangue redentore.

Spezza, Signore Gesù, qualsiasi espressione di disamore che si possa vivere nella mia famiglia, situazioni di odio, rancore, invidia, rabbia, desideri di vendetta, desideri di porre fine alla relazione, di andare avanti da soli nella vita. Tutto questo si spezzi, Gesù, e vinca la tua presenza in mezzo a noi.

Nel potere del tuo sangue, Gesù, pongo fine a ogni comportamento di indifferenza in casa mia, perché ha ucciso il nostro amore. Rinuncio all’orgoglio che mi impedisce di chiedere perdono, di riconoscere i miei errori; rinuncio alle parole negative che ho detto al mio coniuge, parole di maledizione, parole di umilizione, parole che lo feriscono e lasciano segni negativi nel suo cuore. Parole maledette che lo sminuiscono, vere maledizioni proclamate in casa mia; imploro il tuo sangue redentore su tutto questo, Gesù. Curaci e liberaci dalle conseguenze che oggi si riflettono nella nostra vita per via di quelle realtà.

Rinuncio alle parole maledette che ho proferito sulla casa in cui vivo, per l’insoddisfazione di vivere in questa casa, di non sentirmi felice qui. Rinuncio a tutto ciò che posso aver detto negativamente in casa mia.

Rinuncio alle parole di insoddisfazione che ho pronunciato sulla nostra situazione economica, perché pur ricevendo poco, anche se lo stipendio mensile è appena sufficiente, non ci è mancato nulla, Gesù.

Anche per questo ti chiedo perdono. Perdono per l’ingratitudine, per il fatto di non riuscire a vedere nella mia famiglia quella adatta a me…

Perdono, Gesù, perché so che molte volte ho agito male, e voglio ricominciare da oggi.

Gesù, perdona anche i miei familiari per tutte le volte che qualcuno di loro ha disonorato il sacramento del matrimonio. Guardali con misericordia, e ristabilisci la pace nel loro cuore…

Voglio chiederti, Signore, di effondere lo Spirito Santo su di noi, su ogni membro della mia famiglia. Lo Spirito Santo possa, con la tua forza e la tua luce, benedire tutte le mie generazioni presenti, passate e future.

A partire da oggi, possa sorgere nel mio matrimonio e in quello dei miei familiari una stirpe di famiglie impegnate con te e con il tuo Vangelo, una stirpe di coppie profondamente impegnate nella sacralità del matrimonio, piene di amore, fedeltà, pazienza, bontà e rispetto.

Grazie, Gesù, perché ascolti la mia preghiera e ti chini per sentire le mie grida.

Mi consacro e consacro tutta la mia famiglia al Cuore Immacolato della Vergine Maria, perché ci benedica e ci liberi da qualsiasi attacco del Nemico.

Amen.

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Questa storia ha come tag:
preghiera
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni