Aleteia

«Hai un momento, Dio?»

Condividi
Commenta

L'originale tesi di un giovane teologo che ha analizzato il repertorio musicale di Luciano Ligabue

Lorenzo Galliani, 32 anni, neolaureato cum laude in Teologia all’Istituto superiore di Scienze religiose a Bologna, che ha portato una tesi di laurea su Luciano Ligabue, indagando il rapporto tra rock e divino. Potrebbe sembrare una forzatura, ma per l’autore – collaboratore anche di Avvenire – è invece il frutto di una attenta analisi di moltissime canzoni e di un breve carteggio tra lui e il cantautore di Correggio: “Ho contattato l’ufficio stampa di Ligabue, gli ho inviato le domande e lo stesso Ligabue mi ha risposto. Ho messo il suo contributo nella tesi. Era impegnato nel nuovo tour, ma ha trovato comunque il tempo per rispondermi dimostrando grande disponibilità”.

Lo sguardo di Ligabue verso il Cielo

«Tu che conosci il cielo, saluta Dio per me/ E digli che sto bene, considerando che/ che non conosco il cielo, però conosco te/ Mi va di ringraziare, puoi farlo tu per me?». In molte delle sue canzoni, Luciano Ligabue alza lo sguardo. Non ci sono solo le più famose Piccola stella senza cielo e Urlando contro il cielo ma anche, per esempio, Il cielo è vuoto o il cielo è pieno, dove Ligabue parla di sé e ammette: «Certi giorni non mi basta ciò che vedo, sento e tocco».

Intanto «vale la pena vivere», ricorda il rocker su Avvenire al figlio Lorenzo Lenny, in Da adesso in poi. O «vivere è un atto di fede, mica un complimento », per dirla con le parole di un’altra canzone. Ma questa fiducia nella vita su cosa poggia? In fondo, non è “rischiosa” come un atto di fede in Dio? «Qualsiasi “atto di fede” presuppone il rischio di una possibilità di smentita – ci risponde Ligabue –. Ma in qualità di “atto di fede” poggia su un sentimento totale» (Avvenire).

Come nasce questa intuizione?

“Il merito è di un ragazzo di una media in cui faccio supplenza – spiega Galliani – per distinguersi dagli altri disse che lui ascoltava Ligabue”. E’ stato proprio lo studente a suggerirgli la possibilità di affrontare temi di una certa complessità in una chiave sicuramente originale, esaminando il punto di vista del celebre cantautore. “Specie nelle scuole coi ragazzi – riprende – magari suonando la chitarra e improvvisando canzoni, ho l’occasione di parlare di Dio, dell’esistenza e di argomenti religiosi con leggerezza ottenendo maggiore attenzione rispetto a una lezione tradizionale”. La tesi si propone quindi di analizzare il linguaggio semplice ma profondo con cui il rocker affronta la spiritualità e non solo (Skuola.net).

Nel suo studio sul repertorio di Ligabue che gli ha valso l’ottenimento della lode, Lorenzo Galliani no ha avuto timore di trattare anche le canzoni “polemiche”. Ligabue, spiega Lorenzo, “ha affrontato temi delicati, i suoi testi sono molto impegnati. La prossima tesi? Mi piacerebbe su Vecchioni, magari la faccio su Vasco…” (Dire).

Questa storia ha come tag:
luciano ligabue
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni