Aleteia

Da un artista ebreo la canzone perfetta per il Mercoledì delle Ceneri

Condividi
Commenta

I testi richiamano sia i Salmi che il rito cattolico

Lo ammetto, cercavo una scusa per pubblicare una canzone di quello che probabilmente è il mio artista preferito di tutti i tempi: Matisyahu (che in ebraico sta per Matteo). Mi ha conquistata nel 2005, quando mio fratello mi ha fatto ascoltare il suo album Live at Stubb.

Quando stavo pensando a una canzone da proporvi per il Mercoledì delle Ceneri, sapevo che era finalmente arrivato il suo tempo. Ovviamente molti nostri talentuosi artisti cattolici contemporanei hanno toccato temi importanti, ma è stato un ebreo di New York a centrare il punto della questione.

Ogni Mercoledì delle Ceneri, quando ricevo le mie ceneri – oltre, naturalmente, a meditare sul peccato, sulla penitenza, e tornare al Signore – mi viene in testa “On Nature” di Matisyahu. Il ritornello dice:

We are men of nature  //  We are made from the earth  // At the end of my eighty, I’ll return to the dirt  //  Just sand, just rock, dry land, fast and silent  //  Only bein’ only breathin’  //  We’re just children of believers (traducibile grossomodo come: Siamo uomini di natura // Siamo creati dalla terra // Dopo i miei ottant’anni, tornerò alla polvere // solo sabbia, roccia, terra arida, digiuno e silenzio // Esistiamo, respiriamo // Siamo solo figli dei credenti)

Dovrebbero venirvi in mente le parole del rito del Mercoledì delle Ceneri, in questo momento: “Memento, homo, quia pulvis es, et in pulverem reverteris“, “Ricordati uomo, che polvere sei e polvere ritornerai”.

Assomigliano molto anche alle parole del salmista, nel Salmo 89:10:

Gli anni della nostra vita sono settanta, ottanta per i più robusti, ma quasi tutti sono fatica, dolore; passano presto e noi ci dileguiamo.

È un giorno in cui ricordarci che dobbiamo morire. Le ceneri sono “un segno esteriore di ciò che, a prescindere se siamo dei re o dei folli, diventeremo: cenere”.

È una realtà universale, ecco perché non doveva essere necessariamente un cattolico a scrivere una canzone straordinaria per il Mercoledì delle Ceneri. “Or dunque – parola del Signore – ritornate a me con tutto il cuore, con digiuni, con pianti e lamenti. Laceratevi il cuore e non le vesti, ritornate al Signore vostro Dio” (Gioele 2:12-13).

P.S.: Ecco una bellissima versione di “On Nature” di Matisyahu, cantata insieme al PS22 Chorus di Staten Island:

 

Per restare aggiornati sui vostri artisti preferiti e per scoprire nuova musica ogni giorno, seguite Cecilia su Facebook.

Libby Reichert

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni