Aleteia

Cosa fare quando il coniuge non viene a Messa con te e i figli?

Condividi
Commenta

Come allevare figli cattolici quando un genitore è agnostico

Cara Katrina,

cosa fare quando tuo marito non viene a Messa con te e i figli? Non c’è niente che mi piacerebbe di più che se iniziasse a venire in chiesa con me, ma lui non “pratica la religione”. Non si oppone alla religione e dice di credere in Dio, ma non si identifica in un gruppo religioso particolare. È molto difficile allevare i figli nella fede cattolica da sola. Hanno iniziato a chiedere perché il papà non viene a Messa. Lottano con me al momento di andarci, dicendo che se il padre non ci va non vedono perché dovrebbero andarci loro.

Quando ne abbiamo parlato prima di sposarci, ha sostenuto il fatto che allevassi i nostri figli nel cattolicesimo. Penso di essere stata molto ingenua, perché allevare piccoli cattolici non è affatto facile. Mio marito non fa niente per impedirmi di portarli in chiesa o di avere una formazione religiosa, ma non fa neanche niente per aiutarmi.

Come posso convincerlo ad aiutarmi un po’ di più?

Janice B.


LEGGI ANCHE: Cosa fare per la conversione di mio marito?


Cara Janice,

lo sento dire da molte giovani coppie. Spesso il compromesso che si raggiunge consiste nel lasciare tutte le “cose che riguardano la religione” a un solo genitore, con l’idea che l’altro non farà nulla per interferire nella formazione dei figli. Suppongo che possa sembrare un modo piuttosto logico di delegare questo compito, ma la realtà è che se l’altro genitore non supporta quello che il partner sta insegnando la lezione viene perduta.

Il genitore non religioso crede di tener fede all’accordo se non evita attivamente al coniuge e ai figli di praticare una religione. Tuo marito non ti sta chiedendo di smettere di portare i bambini in chiesa o a catechismo, e quindi secondo lui sta facendo tutto ciò che gli hai chiesto e che avete concordato prima della nascita dei vostri figli. Come hai detto, non ha nulla da obiettare a che vengano allevati nel cattolicesimo, ma non fa neanche niente per aiutarti in questo senso.

La richiesta di aiuto viene spesso tenuta fuori dall’accordo perché è difficile per le coppie (pre-figli) capire che non si può dividere la genitorialità come si dividono i compiti domestici. È necessario che ogni genitore sostenga positivamente l’altro. Non dandoti questo sostegno, tuo marito ti sta essenzialmente danneggiando. Perché i tuoi figli dovrebbero pensare che la Chiesa cattolica sia importante se il padre non lo pensa?

Chiederei a tuo marito di ripensare ai termini dell’accordo verbale che avete stretto. Gli uomini sono problem solvers, e allora presentagli la cosa come un problema per risolvere il quale hai bisogno di aiuto. L’accordo iniziale non sta funzionando come speravi perché ci sono dei fattori non considerati in precedenza e che ora si sono invece presentati. Hai bisogno del suo aiuto attivo anziché della concordata non interferenza passiva.


LEGGI ANCHE: Mamma, perché papà non viene a Messa con noi?


Rivolgiti a tuo marito quando siete entrambi in una buona disposizione d’animo, magari dopo che avete fatto qualcosa di divertente in famiglia di modo che si ricordi di quanto i suoi figli lo amano e lo prendono come modello. Se tiri fuori la questione quando siete stressati o frustrati, rischi di trasformarla in una lotta anziché in qualcosa di costruttivo. Ricordagli che è un padre meraviglioso e ammetti che hai sottovalutato completamente l’impatto del suo mancato coinvolgimento nella formazione religiosa da dare ai vostri figli. In tutte le questioni, la genitorialità è un gioco a due, e fagli sapere che non puoi farcela senza il suo sostegno in questo campo.

Chiedigli di aiutarti a stabilire lo standard da seguire essendo un esempio. Può essere più di quanto si aspettasse all’inizio, ma non vale forse per tutte le cose collegate all’essere genitori? Non mi hai dato motivi per credere che sia ostile alla Chiesa cattolica, dicendo solo che non si identifica in alcuna denominazione. Confido nel fatto che sia probabilmente molto disponibile ad aiutare di più se identifichi in modo specifico come potrebbe farlo.

Personalmente, inizierei da piccole cose. Chiedigli di partecipare alla preghiera in famiglia, come una decina del rosario prima di mettere a letto i bambini, e poi lavora gradualmente sulla questione. Va bene se all’inizio tutto quello che riesce a fare senza sentirsi a disagio è sedersi accanto a te mentre tu preghi con i bambini. Anche la sua semplice presenza dà un aiuto necessario.

Penso che in questo caso servano tenerezza e tempo. Esigere che venga immediatamente a Messa e chiedergli quale sia il suo problema con la religione organizzata non farà altro che aumentare il dissenso. Penso che se affronti la questione con amore e vera umiltà riceverai la ricompensa di vedere i tuoi figli e alla fine anche tuo marito imparerà molto sul cattolicesimo.


LEGGI ANCHE: 17 tipiche scuse per non andare a Messa (smontate!)


[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni