Aleteia

“La fede va testimoniata e vissuta”

Condividi
Commenta

“La fede non è solo recitare il Credo, ma viverla e testimoniarla, fu il pianto la prima predica di Gesù”, afferma Francesco. Alle  9.30 di oggi, Festa del Battesimo del Signore, il Papa ha presieduto nella Cappella Sistina la messa nel corso della quale ha amministrato il sacramento del Battesimo a 28 neonati, 15 bambini e 13 bambine. Dopo la lettura del Vangelo, il Papa ha pronunciato la sua omelia a braccio.

“Voi avete chiesto per i vostri bambini la fede, la fede che sarà data nel Battesimo- afferma il Pontefice. La fede: ciò significa vita di fede, perché la fede va vissuta; camminare sulla strada della fede e dare testimonianza della fede. La fede non è recitare il “Credo” la domenica, quando andiamo a Messa: non è solo questo”. Infatti, aggiunge Francesco, “la fede è credere quello che è la Verità: Dio Padre che ha inviato suo Figlio e lo Spirito che ci vivifica”. Ma la fede è anche “affidarsi a Dio, e questo voi dovete insegnare loro, con il vostro esempio, con la vostra vita”. E “la fede è luce: nella cerimonia del Battesimo vi sarà data una candela accesa, come ai primi tempi della Chiesa”. E per questo “il Battesimo, a quei tempi, si chiamava “illuminazione”, perché la fede illumina il cuore, fa vedere le cose con un’altra luce: voi avete chiesto la fede, la Chiesa dà la fede ai vostri figli con il Battesimo, e voi avete il compito di farla crescere, custodirla, e che divenga testimonianza per tutti gli altri”. Questo, sottolinea Jorge Mario Bergoglio, è “il senso di questa cerimonia e soltanto questo volevo dirvi: custodire la fede, farla crescere, che sia testimonianza per gli altri”.

E mentre i neonati piangono, il Papa sottolinea sorridendo: “E’ incominciato il concerto! E’ perché i bambini si trovano in un posto che non conoscono, si sono alzati prima del solito. Incomincia uno, dà la nota e poi gli altri “scimmiottano”. Alcuni piangono semplicemente perché ha pianto l’altro”. E prosegue: “Gesù ha fatto lo stesso, sapete? A me piace pensare che la prima predica di Gesù nella stalla è stato un pianto, la prima. E poi, siccome la cerimonia è un po’ lunga, qualcuno piange per la fame”. Quindi, “se è così, voi mamme allattateli pure, senza paura, con tutta normalità, come la Madonna allattava Gesù”. E “non dimenticate: avete chiesto la fede, a voi il compito di custodire la fede, farla crescere, che sia testimonianza per tutti noi, per tutti noi: anche per noi preti, sacerdoti, vescovi, tutti. Grazie”.

Per la quarta volta nel suo pontificato il Papa ha presieduto la messa, nel giorno in cui termina il tempo di Natale, amministrando il sacramento del battesimo a 13 bambine e 15 bambini, per lo più figli di dipendenti vaticani. Ma non saranno questi i soli bambini battezzati direttamente dal Pontefice: il prossimo 14 gennaio Francesco battezzerà infatti nella casa Santa Marta 8 bimbi nati ad Amatrice e ad Accumoli dopo il terremoto del 24 agosto.

Con un fuori programma inziale. ”Siccome la cerimonia è un po’ lunga, qualcuno piange di fame…- ha detto Francesco.Se è così, voi mamme allattateli senza paura, con normalità, come la Madonna”. Il Papa ha voluto così infrangere ancora una volta il tabù di chi vuole impedire alle mamme di allattare in pubblico.
 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni