Spiritualità

9 versetti biblici per aiutarti a discernere la volontà di Dio per l’anno nuovo

9 versetti biblici per aiutarti a discernere la volontà di Dio per l’anno nuovo

pixabay

di Maria Alejandra Rivas

L’anno nuovo è appena arrivato, portando con sé le tipiche liste di propositi e obiettivi da realizzare. Che sia cercare un nuovo lavoro, scegliere in quale università iscriversi, decidere di fare un altro bambino oppure tornare a studiare (tra le tante cose), questo processo può essere scoraggiante.

Per rendere quest’impresa un po’ più sopportabile, abbiamo raccolto dei suggerimenti dalle Paoline, dei passi della Scrittura e una preghiera carmelitana per il discernimento. Prima di iniziare il processo di discernimento, dovresti sapere due cose:

1. Dio vuole che noi siamo sempre felici, perché ci ama. E Lui sa che solo ciò che ci fa diventare più santi può condurci alla vera felicità.

2. Discernere la volontà e i piani di Dio di solito ha a che fare con lo scegliere tra due buone opzioni. Discernere tra due beni vuol dire scegliere l’opzione migliore tra le due.

Tenere a mente queste cose ti aiuterà a restringere le tue scelte per il bene più grande. Una volta che hai deciso cosa affidare alle mani di Dio… prega.

Invita lo Spirito Santo a dirigere la tua preghiera, attraverso le seguenti scritture:

Isaia 6:8

Poi io udii la voce del Signore che diceva: «Chi manderò e chi andrà per noi?». E io risposi: «Eccomi, manda me!».


LEGGI ANCHE: 5 film di successo che riguardano (segretamente) il discernimento religioso


Sofonia 3: 14-20

Gioisci, figlia di Sion,
esulta, Israele,
e rallegrati con tutto il cuore,
figlia di Gerusalemme!
Il Signore ha revocato la tua condanna,
ha disperso il tuo nemico.
Re d’Israele è il Signore in mezzo a te,
tu non vedrai più la sventura.
In quel giorno si dirà a Gerusalemme:
«Non temere, Sion, non lasciarti cadere le braccia!
Il Signore tuo Dio in mezzo a te
è un salvatore potente.
Esulterà di gioia per te,
ti rinnoverà con il suo amore,
si rallegrerà per te con grida di gioia,
come nei giorni di festa».
Ho allontanato da te il male,
perché tu non abbia a subirne la vergogna.
Ecco, in quel tempo io sterminerò
tutti i tuoi oppressori.
Soccorrerò gli zoppicanti, radunerò i dispersi,
li porrò in lode e fama
dovunque sulla terra sono stati oggetto di vergogna.
In quel tempo io vi guiderò,
in quel tempo vi radunerò
e vi darò fama e lode
fra tutti i popoli della terra,
quando, davanti ai vostri occhi,
ristabilirò le vostre sorti, dice il Signore.

Geremia 1:4-10

Mi fu rivolta la parola del Signore:
«Prima di formarti nel grembo materno, ti conoscevo,
prima che tu uscissi alla luce, ti avevo consacrato;
ti ho stabilito profeta delle nazioni».
Risposi: «Ahimé, Signore Dio, ecco io non so parlare,
perché sono giovane».
Ma il Signore mi disse: «Non dire: Sono giovane,
ma va’ da coloro a cui ti manderò
e annunzia ciò che io ti ordinerò.
Non temerli,
perché io sono con te per proteggerti».
Oracolo del Signore.
Il Signore stese la mano, mi toccò la bocca
e il Signore mi disse:
«Ecco, ti metto le mie parole sulla bocca.
Ecco, oggi ti costituisco
sopra i popoli e sopra i regni
per sradicare e demolire,
per distruggere e abbattere,
per edificare e piantare».


Luca 5:1-11

Un giorno, mentre, levato in piedi, stava presso il lago di Genèsaret e la folla gli faceva ressa intorno per ascoltare la parola di Dio, vide due barche ormeggiate alla sponda. I pescatori erano scesi e lavavano le reti. Salì in una barca, che era di Simone, e lo pregò di scostarsi un poco da terra. Sedutosi, si mise ad ammaestrare le folle dalla barca.
Quando ebbe finito di parlare, disse a Simone: «Prendi il largo e calate le reti per la pesca». Simone rispose: «Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti». E avendolo fatto, presero una quantità enorme di pesci e le reti si rompevano. Allora fecero cenno ai compagni dell’altra barca, che venissero ad aiutarli. Essi vennero e riempirono tutte e due le barche al punto che quasi affondavano. Al veder questo, Simon Pietro si gettò alle ginocchia di Gesù, dicendo: «Signore, allontanati da me che sono un peccatore». Grande stupore infatti aveva preso lui e tutti quelli che erano insieme con lui per la pesca che avevano fatto; così pure Giacomo e Giovanni, figli di Zebedèo, che erano soci di Simone. Gesù disse a Simone: «Non temere; d’ora in poi sarai pescatore di uomini». Tirate le barche a terra, lasciarono tutto e lo seguirono.


LEGGI ANCHE: Preghiera per cominciare l’anno nuovo


Luca 8:4-15

Poiché una gran folla si radunava e accorreva a lui gente da ogni città, disse con una parabola: «Il seminatore uscì a seminare la sua semente. Mentre seminava, parte cadde lungo la strada e fu calpestata, e gli uccelli del cielo la divorarono. Un’altra parte cadde sulla pietra e appena germogliata inaridì per mancanza di umidità. Un’altra cadde in mezzo alle spine e le spine, cresciute insieme con essa, la soffocarono. Un’altra cadde sulla terra buona, germogliò e fruttò cento volte tanto». Detto questo, esclamò: «Chi ha orecchi per intendere, intenda!».
I suoi discepoli lo interrogarono sul significato della parabola. Ed egli disse: «A voi è dato conoscere i misteri del regno di Dio, ma agli altri solo in parabole, perché
vedendo non vedano
e udendo non intendano.
Il significato della parabola è questo: Il seme è la parola di Dio. I semi caduti lungo la strada sono coloro che l’hanno ascoltata, ma poi viene il diavolo e porta via la parola dai loro cuori, perché non credano e così siano salvati. Quelli sulla pietra sono coloro che, quando ascoltano, accolgono con gioia la parola, ma non hanno radice; credono per un certo tempo, ma nell’ora della tentazione vengono meno. Il seme caduto in mezzo alle spine sono coloro che, dopo aver ascoltato, strada facendo si lasciano sopraffare dalle preoccupazioni, dalla ricchezza e dai piaceri della vita e non giungono a maturazione. Il seme caduto sulla terra buona sono coloro che, dopo aver ascoltato la parola con cuore buono e perfetto, la custodiscono e producono frutto con la loro perseveranza.


Giovanni 1:35-39

Il giorno dopo Giovanni stava ancora là con due dei suoi discepoli e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l’agnello di Dio!». E i due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù. Gesù allora si voltò e, vedendo che lo seguivano, disse: «Che cercate?». Gli risposero: «Rabbì (che significa maestro), dove abiti?». Disse loro: «Venite e vedrete». Andarono dunque e videro dove abitava e quel giorno si fermarono presso di lui; erano circa le quattro del pomeriggio.

Romani 12:1-2

Vi esorto dunque, fratelli, per la misericordia di Dio, ad offrire i vostri corpi come sacrificio vivente, santo e gradito a Dio; è questo il vostro culto spirituale. Non conformatevi alla mentalità di questo secolo, ma trasformatevi rinnovando la vostra mente, per poter discernere la volontà di Dio, ciò che è buono, a lui gradito e perfetto.


Giacomo 5:7-11

Siate dunque pazienti, fratelli, fino alla venuta del Signore. Guardate l’agricoltore: egli aspetta pazientemente il prezioso frutto della terra finché abbia ricevuto le piogge d’autunno e le piogge di primavera. Siate pazienti anche voi, rinfrancate i vostri cuori, perché la venuta del Signore è vicina. Non lamentatevi, fratelli, gli uni degli altri, per non essere giudicati; ecco, il giudice è alle porte. Prendete, o fratelli, a modello di sopportazione e di pazienza i profeti che parlano nel nome del Signore. Ecco, noi chiamiamo beati quelli che hanno sopportato con pazienza. Avete udito parlare della pazienza di Giobbe e conoscete la sorte finale che gli riserbò il Signore, perché il Signore è ricco di misericordia e di compassione.


1 Tessalonicesi 5:16-24

State sempre lieti, pregate incessantemente, in ogni cosa rendete grazie; questa è infatti la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi. Non spegnete lo Spirito, non disprezzate le profezie; esaminate ogni cosa, tenete ciò che è buono. Astenetevi da ogni specie di male.
Il Dio della pace vi santifichi fino alla perfezione, e tutto quello che è vostro, spirito, anima e corpo, si conservi irreprensibile per la venuta del Signore nostro Gesù Cristo. Colui che vi chiama è fedele e farà tutto questo!


LEGGI ANCHE: 15 potenti versi della Bibbia per affrontare le sfide di ogni giorno


Ricorda che non bisogna avere fretta. Scegli un posto tranquillo per ascoltare Dio attraverso la Sua Parola, in modo che possa scoprire dove Lui ti stia conducendo. Il discernimento richiede tempo e molto ascolto. Sii paziente e confida che il Signore desidera soltanto il meglio per te.

Preghiera per il discernimento

Dio amorevole e misericordioso, tu mi hai portato a desiderare la Tua volontà, che spesso sembra oltre la mia conoscenza. Eppure so che tu, che mi ami incondizionatamente, continuerai a mettere nel mio cuore il desiderio di seguire le orme di Tuo Figlio Gesù – che mi chiede di essere Sue mani piedi, occhi e cuore in mezzo ai Tuoi figli e figlie. Voglio amare come ama Gesù, servire in qualsiasi modo tu voglia che io serva. Donami il desiderio di restare alla Tua presenza, in modo che il Tuo Spirito possa parlare al mio cuore. Possa io rispondere col cuore aperto alla Tua chiamata, dovunque Tu mi conduca. Dammi il coraggio di dirti “sì” insieme a Maria, in ogni cosa. Possa io avere lo stesso zelo del Tuo profeta Elia. Nella gratitudine, con la Tua grazia, tutta la mia vita sarà vissuta per portare il Tuo regno sulla terra, per il Tuo onore e la Tua gloria.

Amen.

[Traduzione dall’inglese a cura di Valerio Evangelista]
Pubblicità
Pubblicità
LOADING...