Aleteia

Preghiere a 4 patroni delle cause impossibili e senza speranza

dominio pubblico
Condividi
Commenta

Se non sai cos'altro fare, prova a invocare il loro aiuto…

Santa Rita da Cascia

Subito dopo la morte, santa Rita da Cascia era già venerata come protettrice dalla peste, probabilmente per il fatto di essersi dedicata in vita alla cura degli appestati, senza contrarre mai la malattia. Fu questo uno dei motivi, forse il primo, a farle ottenere popolarmente l’epiteto di Santa degli impossibili.

Preghiera a Santa Rita per una causa impossibile:

Sotto il peso del dolore, a te, cara Santa Rita, io ricorro fiducioso di essere esaudito. Libera, ti prego, il mio povero cuore dalle angustie che l’opprimono e ridona la calma al mio spirito, ricolmo di affanni.

Tu che fosti prescelta da Dio per avvocata dei casi più disperati, impetrami la grazia che ardentemente ti chiedo [chiedere la grazia che si desidera].

Se sono di ostacolo, al compimento dei miei desideri, le mie colpe, ottienimi da Dio la grazia del ravvedimento e del perdono mediante una sincera confessione.

Non permettere che più a lungo io sparga lacrime di amarezza.

O santa della spina e della rosa, premia la mia grande speranza in te, e dovunque farò conoscere le grandi tue misericordie verso gli animi afflitti.

O Sposa di Gesù Crocifisso, aiutami a ben vivere e a ben morire. Amen. 

Santa Rita Da Cascia

San Giuda Taddeo

Giuda, soprannominato Taddeo, è l’apostolo che nell’Ultima Cena domandò al Signore perché si fosse manifestato ai Suoi discepoli e non a tutto il mondo. È autore di una delle lettere del Nuovo Testamento. Come San Simone Apostolo, anche lui predicò il Vangelo in Asia e fu martire.

Preghiera per supplicare l’intercessione dell’Apostolo San Giuda per casi difficili e disperati

O San Giuda Taddeo, parente di Nostro Signore Gesù Cristo, Apostolo e Martire, magnifico per virtù e miracoli, intercessore fedele per quanti ti onorano e patrono speciale nei casi disperati, io a te mi rivolgo pieno di fiducia. Poiché tu possiedi il privilegio di soccorrere palesemente coloro che hanno quasi perduta ogni speranza, soccorri anche me in questa mia necessità… Dalla quale non è in poter mio di liberarmi. Ti prometto San Giuda Taddeo di non dimenticare per tutta la vita i tuoi benefici, di onorarti ognora come mio particolare patrono, e di far noto a tutti che tu sei veramente potente e pronto aiuto nelle nostre necessità. Cosi sia.

Pater, Ave, Gloria.

Pagine: 1 2

Condividi
Commenta
Questa storia ha come tag:
disperazionepreghierasanti e beati
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni