Aleteia

Claudio Baglioni canta per Papa Francesco in occasione del suo compleanno

Condividi
Commenta

AVRAI: l’indimenticabile concerto evento in Aula Paolo VI

Sabato 17  dicembre  2016  in l’Aula Paolo VI, Claudio  Baglioni  ha tenuto il  concerto-evento  a  scopo  benefico ‘AVRAI’ programmato nel giorno dell’ottantesimo compleanno di Papa Francesco. La  manifestazione  nata in  occasione  del 200°  anniversario  del  Corpo della Gendarmeria  Vaticana,  promotore  della  serata con la  Fondazione  O’scia’Onlus , è stata l’occasione di un’importante raccolta fondi. Sono stati consegnati al  Santo  Padre  i  primi  500mila euro raccolti per i bambini di Bangui e del Centro Italia.  Isabella Ferrari, Donatella Finocchiaro, Beppe Fiorello, Vinicio Marchioni,  Laura Morante, Giorgio Pasotti, Alessandro Preziosi, Gigi Proietti, Nicoletta Romanoff, sono alcuni degli attori che si sono messi a disposizione per trasmettere il messaggio del Santo Padre in mondovisione. Un messaggio di pace e di misericordia.

Riportiamo il brano della serata che ci è sembrato più incisivo e interpretato in modo toccante dall’attrice Nicoletta Romanoff, intitolato:

“TRASFORMARE IL CUORE DI PIETRA IN UN CUORE DI CARNE” :

La misericordia è il cuore di Dio, perciò dev’essere anche il cuore di tutti coloro che si riconoscono membri dell’unica grande famiglia dei suoi figli; un cuore che batte forte dovunque la dignità umana sia in gioco.

L’amore per gli altri, stranieri, malati, prigionieri, senza fissa dimora, perfino nemici, è l’unità di misura di Dio per giudicare le nostre azioni. Da ciò dipende il nostro destino eterno.

La prima verità della Chiesa è l’amore di Cristo: un amore che giunge fino al perdono e al dono di sé.

Siamo chiamati a fare dell’amore, della compassione, della misericordia e della solidarietà, un vero programma di vita, uno stile di comportamento nelle nostre relazioni gli uni con gli altri.

Ciò richiede la conversione del cuore: Trasformare il nostro cuore di pietra in un cuore di carne, capace di aprirsi agli altri con autentica solidarietà.

La solidarietà, infatti, è molto più che un sentimento di vaga compassione o di superficiale intenerimento per i mali di tante persone, vicine e lontane.

La solidarietà è la determinazione ferma e perseverante di impegnarsi per il bene comune.

Ossia per il bene di tutti e di ciascuno.

Perché tutti siamo veramente responsabili di tutti.

Costanza D’Ardia

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni