Aleteia

Lizzie Velasquez ha risposto brillantemente ai meme che la prendono in giro

Condividi
Commenta

L'hanno definita la 'donna più brutta del mondo', e qualche giorno fa un meme ha rincarato la dose. Ma lei è riuscita ancora una volta a gestire in modo maturo gli insulti sul suo aspetto fisico

Lizzie aveva 17 anni quando, per la prima volta, vide il suo volto in un video su internet che la definiva “la donna più brutta del mondo“.

Un’esperienza che l’ha fatta cadere in depressione, portandola poi a rialzarsi e a combattere attivamente il cyber-bullismo che ha colpito lei e che colpisce tantissime persone in tutto il mondo. Lizzie Velasquez è affetta dalla sindrome neonatale progeroide, una rara malattia genetica che le impedisce di prendere peso e la fa apparire fortemente invecchiata.

In una conferenza per donne, Lizzie ha raccontato il suo percorso verso l’accettazione di sé. Il passaggio fondamentale, ha raccontato la donna, fu quello di smettere di pensare che fosse la malattia a definirla in quanto persona. “Cosa definisce voi stessi? Le vostre origini, la vostra storia, i vostri amici? Cosa definisce chi siete come persone?”, ha chiesto Lizzie al pubblico del TEDxAustinWomen di due anni fa.

Ma il suo attivismo (così come la sua dignità di persona) si è scontrato, ancora una volta, con dei ‘leoni da tastiera’. Pochi giorni fa è stata infatti diffusa un’immagine col suo volto e delle scritte offensive. Il meme, ovviamente, faceva dell’inopportuno sarcasmo sul suo aspetto fisico.

“Ultimamente ho visto un sacco di meme come questi, su Facebook”, ha commentato Lizzie sul suo profilo Instagram. “È una sensazione che non augurerei neanche al mio peggior nemico. A prescindere dall’aspetto fisico e dalla taglia, siamo tutti esseri umani. Vi chiedo di tenerlo a mente, la prossima volta che vedete un’immagine virale che se la prende con qualche sconosciuto”.


LEGGI ANCHE: Come non crescere dei figli bulli? Ecco i 12 errori più comuni dei genitori


“Sul momento”, prosegue la donna, “potreste trovarla esilarante, ma la persona ritratta potrebbe provare il sentimento esattamente opposto. Usate i vostri schermi per diffondere amore, e non parole che feriscono”.

I've seen a ton of memes like this all over @facebook recently. I'm writing this post not as someone who is a victim but as someone who is using their voice. Yes, it's very late at night as I type this but I do so as a reminder that the innocent people that are being put in these memes are probably up just as late scrolling through Facebook and feeling something that I wouldn't wish on my worst enemy. No matter what we look like or what size we are, at the end of the day we are all human. I ask that you keep that in mind the next time you see a viral meme of a random stranger. At the time you might find it hilarious but the human in the photo is probably feeling the exact opposite. Spread love not hurtful words via a screen. Xoxo Lizzie

A post shared by Lizzie Velasquez (@littlelizziev) on

Una risposta, molto matura, pubblicata a notte fonda; ma nonostante l’orario, il post è stato condiviso da migliaia di utenti. Dopo poche ore ha pubblicato un video per ringraziare i suoi follower per il sostegno mostratole.


LEGGI ANCHE: Lizzie Velasquez: “Non è l’aspetto fisico che definisce la mia vita”


“Volevo soltanto dire una cosa: quando vedete qualcosa online, ricordatevi sempre che c’è un essere umano coinvolto. Potrebbe sembrare divertente, sul momento, ma c’è sicuramente qualcuno che non la pensa proprio in questo modo. Pensate prima di twittare, pensate prima di condividere, pensate prima di mettere un like. Perché vogliamo semplicemente essere accettati. Tutto qui. Vi ringrazio”, ha continuato Lizzie nel video, che ha superato le 92mila visualizzazioni, “perché mi sono sentita molto amata“.

Thank you 💜

A post shared by Lizzie Velasquez (@littlelizziev) on

Lizzie Velasquez è cattolica e ha più volte ribadito il ruolo fondamentale che ha avuto la fede nel comprendere la propria dignità di persona: “La fede è stato il mio punto di forza. È fondamentale avere del tempo per me stessa e pregare, parlare con Dio nella mia solitudine, e sapere che Lui è lì per me”.

In un’intervista a Charisma News, ha dichiarato che “nei momenti più bui, quando sembra che le cose non potranno migliorare, se si ha fede e si guarda avanti sarà possibile superare ogni cosa“.

Questa storia ha come tag:
cyberbullismolizzie velasquezmalattia
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni