Salute

La cura per la sclerosi multipla… scoperta per caso

A volte ciò che manca è un salto di fede che mostri che la soluzione ai nostri problemi è davanti ai nostri occhi

Un team di ricercatori dell’Ottawa Health Research Institute, in Canada, ha casualmente scoperto un trattamento che potrebbe rivelarsi un punto di svolta per chi è affetto da sclerosi multipla (SM). La scoperta è stata realizzata analizzando gli effetti di una cura contro il cancro.

I medici – portando avanti terapie in pazienti affetti da leucemie e SM – hanno scoperto che estraendo il midollo osseo, eliminando le cellule cancerose e iniettandolo nuovamente nelle ossa, il sistema immunitario sembrerebbe come rinascere. Dopo questo trattamento i sintomi della SM non erano più visibili.

Non è un trattamento semplice e ci sono dei gravi effetti collaterali che debilitano notevolmente. Viene prescritto soltanto a pazienti che non hanno un sistema immunitario funzionante. Ma nonostante ciò, se i medici dovessero riuscire a renderlo più sicuro, questo trattamento avrebbe un potenziale enorme.

“C’è una globale reticenza ad usare la parola che inizia per ‘g‘… ma questi pazienti sono davvero guariti“, ha affermato a Vox Michael Rudnicki, un ricercatore dell’Ottawa Health Research Institute che però non ha partecipato direttamente allo studio.

“Jennifer Molson [una paziente esaminata dalla ricerca, ndr] era sulla sedia a rotelle, in un centro di riabilitazione, incapace di svolgere qualsiasi lavoro. Adesso è qui, lavora, si è sposata e ha preso la patente. Credo che questa sarà la nuova prassi da seguire nella cura della SM progressiva”.

“Ho fatto un salto di fede”, ha raccontato la Molson al New Scientist. “Sentii che mi sarei pentita se non avessi approfittato di questa opportunità”.

A volte ciò che manca è un salto di fede che ci faccia scoprire che la soluzione ai nostri problemi è davanti ai nostri occhi. La sfida che abbiamo di fronte è riconoscere quando il Signore ci guida verso una scoperta così importante.

“Ecco, ti rendo come una trebbia acuminata, nuova, munita di molte punte; tu trebbierai i monti e li stritolerai, ridurrai i colli in pula” – Isaia 41:15

Preghiamo affinché questi ricercatori continuino ad essere una “trebbia acuminata“, affinché “stritolino i monti” (cioè la sclerosi multipla). A loro va la nostra gratitudine per averci donato un qualcosa che è davvero degno di tutta la nostra ammirazione.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

Pubblicità
Pubblicità
LOADING...