vaticano notizie

Il Papa: prego per le famiglie, i disoccupati e i bimbi soli

Tutti i lavoratori, soprattutto «chi il lavoro l’ha perso o non riesce a trovarlo». Le famiglie «che mandano avanti la vita e la società con il loro impegno quotidiano e nascosto»; soprattutto quelle «che fanno più fatica per tanti problemi interni ed esterni». I bambini soli, ingannati e sfruttati. Ecco per chi prega in particolare papa Francesco nel tradizionale omaggio alla Madonna in piazza di Spagna a Roma per la festività dell’Immacolata Concezione. Il Pontefice inoltre invita a non cedere «allo scoraggiamento» per «rinnovare noi stessi, questa Città e il mondo intero». 

È una piazza di Spagna gremita quella che accoglie Papa Bergoglio. Migliaia di fedeli, famiglie e bambini tra preghiere e palloncini colorati. Numerose le corone di fiori deposte sul piedistallo della «Colonna dell’Immacolata», il monumento che si staglia in piazza Mignanelli, a due passi da piazza di Spagna. Gli unici due accessi alla piazza sono presidiati dalle forze dell’ordine che controllano bagagli e borse dei fedeli che accedono alla cerimonia. Centinaia anche i volontari di diverse associazioni impegnati nella gestione dell’afflusso dei fedeli.  

Nella Preghiera che ha appositamente composto e che recita nel corso dell’Atto di venerazione all’Immacolata, il Vescovo di Roma premette: «O Maria, Madre nostra, nel giorno della tua festa vengo a Te, e non vengo solo: porto con me tutti coloro che il tuo Figlio mi ha affidato, in questa Città di Roma e nel mondo intero, perché Tu li benedica e li salvi dai pericoli».  

Il Pontefice ha «con sè» i bambini, «specialmente quelli soli, abbandonati, e che per questo vengono ingannati e sfruttati». 

Ha le famiglie, «che mandano avanti la vita e la società con il loro impegno quotidiano e nascosto; in modo particolare le famiglie che fanno più fatica per tanti problemi interni ed esterni». 

Nel cuore di Francesco ci sono i lavoratori, «uomini e donne, e ti affido soprattutto chi, per necessità, si sforza di svolgere un lavoro indegno e chi il lavoro l’ha perso o non riesce a trovarlo».  

Sottolinea che «abbiamo bisogno del tuo sguardo immacolato, per ritrovare la capacità di guardare le persone e le cose con rispetto e riconoscenza, senza interessi egoistici o ipocrisie». 

C’è necessità «del tuo cuore immacolato, per amare in maniera gratuita, senza secondi fini ma cercando il bene dell’altro, con semplicità e sincerità, rinunciando a maschere e trucchi». 

Le mani dell’Immacolata servono «per accarezzare con tenerezza, per toccare la carne di Gesù nei fratelli poveri, malati, disprezzati, per rialzare chi è caduto e sostenere chi vacilla». 

I piedi della Madre di Dio sono fondamentali «per andare incontro a chi non sa fare il primo passo, per camminare sui sentieri di chi è smarrito, per andare a trovare le persone sole». 

Francesco invoca la Vergine affinché «non cediamo allo scoraggiamento, ma, confidando nel tuo costante aiuto, ci impegniamo a fondo per rinnovare noi stessi, questa Città e il mondo intero». 

Lunga è la stretta di mano tra il Papa e la sindaca di Roma Virginia Raggi. Il Pontefice, nel salutare Raggi, è sorridente. Prima della sindaca ad accoglierlo il cardinale vicario di Roma Agostino Vallini. 

Dopo il rito, Francesco si sofferma singolarmente con diversi disabili in sedia a rotelle presenti, stringendo le mani e scambiando qualche parola con ognuno di loro. 

Prima di rientrare in Vaticano, il Papa si reca alla basilica di Santa Maria Maggiore per pregare davanti all’immagine della Salus Populi Romani. 

Pubblicità
Pubblicità
LOADING...