vaticano notizie

Pena di morte, Sant’Egidio: oggi oltre 2.100 città del mondo si mobilitano per “Cities for Life 2016”

Si allarga ogni anno di più il movimento mondiale lanciato dalla Comunità di Sant’Egidio contro la pena di morte, che culmina nella giornata di oggi, 30 novembre, la data in cui esattamente 230 anni fa, nel 1786, venne abolita per la prima volta la pena capitale da uno Stato, il Granducato della Toscana. 

La Giornata Internazionale Cities for Life, «Città per la Vita, Città contro la pena di morte» è un’iniziativa che negli anni ha riunito amministrazioni locali e società civili di ogni parte del mondo in questa battaglia di civiltà e per la vita ottenendo fino a oggi l’adesione di oltre 2.100 città di 97 Paesi di tutti i continenti. 

Oggi, lunedì 30 novembre, al Colosseo, dalle 18,30 si svolgerà l’evento conclusivo che culminerà con la simbolica illuminazione del monumento, per dire «No» alla pena di morte e a ogni sua errata giustificazione, e per far progredire la campagna per una moratoria universale di questa terribile condanna, che oltre a essere profondamente inumana si è rivelata sempre inefficace per la deterrenza dei reati. 

La serata sarà condotta da Luca Barbarossa. Interverranno il presidente della Comunità di Sant’Egidio, Marco Impagliazzo, il presidente della Commissione Affari Sociali della Camera, Mario Marazziti, rappresentanti del Comune di Roma. Saranno lette testimonianze dai bracci della morte e parlerà Susan Kigula, ugandese, ex detenuta nei bracci della morte, che dal carcere ha portato avanti una coraggiosa campagna contro la pena capitale. 

Live in streaming dell’evento al Colosseo su www.santegidio.org