Religione

5 motivi per cui ho sempre odiato l’Avvento (e perché ora non lo odio più)

di Ruth Baker

Essendo cresciuta in un ambiente cattolico, in famiglia abbiamo sempre rigorosamente osservato l’Avvento. Non l’abbiamo mai saltato. Sebbene ne apprezzassi lo scopo – essendo un tempo di preparazione e preghiera – ho sempre vissuto l’Avvento in modo cupo. Ne comprendevo le motivazioni con la testa, ma mai con il cuore. Ne ero intimorita.

Forse è semplicistico, ma da bambina mi sembrava che per vivere un buon Natale si dovesse prima pagare il prezzo dell’Avvento! Non mi passò mai per la testa l’idea che l’Avvento potesse essere un periodo meravigliosamente intenso quanto lo fosse il Natale. Odiavo l’Avvento e non riuscivo a farlo mio.

Ma grazie al Cielo, un po’ alla volta, cambiai approccio e iniziai a vedere l’Avvento in modo diverso. Quando iniziai ad onorare questo periodo, ne compresi tutta la pienezza. Perché dunque l’ho odiato? E come mai ho cambiato idea?

5 motivi per cui ho sempre odiato l’Avvento (e perché ora non lo odio più):

1. Le letture della Messa

bible-1149924_640

Fermatevi a guardare qualsiasi passaggio del Vangelo per l’Avvento, e noterete un tema comune. “Vegliate perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà”, “pentitevi” ed altre frasi apocalittiche dal sapore di ‘fine del mondo’. Tutti versetti che preferivo ignorare, da bambina li trovavo alquanto inquietanti. Ma da adulta ho imparato che pur non piacendomi restano comunque Parola di Dio, e perciò meritano la mia considerazione.

Cosa mi vuole dire Dio attraverso di essi? La cosa interessante è che in merito a queste letture la Chiesa scrive che “L’Avvento è un tempo di devota e gioconda attesa”. Gioconda? Deve essermi sfuggito qualcosa! Ma queste letture mi hanno fatto affrontare le mie paure sulla mortalità mia e del mondo. Mi hanno fatto rivedere l’idea che avevo su come Gesù sarebbe tornato alla fine dei tempi.

Non diluendo il significato di queste letture ho iniziato a vedere il paradosso di un Cristo che è Re, capace di portare sia giustizia che misericordia, gentilezza e potenza. Se dichiaro di amare Cristo con tutto il mio cuore e di vedere in Lui il mio sovrano e il migliore amico che io possa avere su questa terra, perché dovrei avere paura della fine dei tempi o della fine dei miei giorni?


LEGGI ANCHE: Hai paura? Recita queste preghiere d’Avvento


2. Il silenzio

Man-Silence

Ci viene costantemente detto di ‘trovare del tempo per il silenzio’, soprattutto durante l’Avvento. Sapevo di dover trovare del tempo per il silenzio… ma io odiavo il silenzio e non mi piaceva sentirmi dire di trascorrere più tempo a fare qualcosa che odiavo!

Nessuno mi aveva mai detto cosa fare del silenzio, né perché teoricamente sarebbe stato di beneficio. E non mi diede alcun beneficio fino a quando partecipai ad un incontro con un frate carmelitano, che mi aiutò a comprendere l’argomento: “Se non riesci a tollerare il silenzio allora devi prima di tutto sistemare le cose che emergono durante quel silenzio”. Non era una scusa per rimandare la scoperta del silenzio, bensì un modo per riconoscere che nel silenzio sono nascoste le nostre paure più profonde.

Il rumore del nostro dolore si fa sentire quando non ci sono distrazioni. In questo caso, consigliò il frate, la cosa migliore da fare è cercare aiuto da un buon sacerdote, religioso o terapeuta. Iniziai lentamente a scoprire un silenzio, alla presenza di Dio, che non era affatto spaventoso o austero, bensì gentile, istruttivo, profondo e pieno di pace. Ho così capito che Dio vuole parlare a noi. Forse Lui ha dovuto attendere anni per dirmi ciò che voleva dirmi, perché semplicemente non gli avevo dato l’opportunità di essere ascoltato.


LEGGI ANCHE: 4 modi per portare Maria e Giuseppe nel tuo Avvento

3. L’oscurità

web-cross-night-Marko Vombergar - it

Nell’emisfero settentrionale, soprattutto qui nel Regno Unito, l’Avvento cade in un periodo dell’anno in cui i giorni sono più corti e il sole tramonta verso le tre di pomeriggio. E questo non aiuta di certo. Queste lunghe notti possono essere davvero deprimenti – nonostante il banale parallelismo dell’essere luce nell’oscurità!

Da bambina adoravo la corona dell’Avvento e da adulta ho provato a trovare dei modi per rendere l’oscurità meno opprimente. Provo a svegliarmi prima, durante l’Avvento, e spendere del tempo in preghiera a lume di candela. Mi impegno di più a mantenere in ordine la casa e la mia camera, in modo che siano degli spazi confortevoli. Preparo una playlist ad hoc per l’Avvento, in modo da vivere in toto l’atmosfera di questo periodo (in fondo all’articolo ho per voi alcuni consigli musicali). Faccio del mio meglio per vedere nel buio un’opportunità per rallentare, piuttosto che una ragione per disperarmi.


LEGGI ANCHE: I 5 migliori video per l’Avvento e il Natale


4. L’attesa

Dato che l’Avvento non mi entusiasmava, lo consideravo un lungo conto alla rovescia in vista del Natale, quando sarebbero iniziate le vere feste. Non vedevo l’Avvento come un periodo a sé stante, e l’attesa mi infastidiva molto.

Il video “L’Avvento spiegato in 2 minuti” mi ha davvero aiutata a cambiare la mia percezione sull’Avvento. Mi ha ricordato che “c’è gioia nell’attesa” e che l’Avvento è fatto di “aspettativa, attesa, speranza e preghiera”. E che “chi è stufo di Natale già il 25 dicembre non ha vissuto l’Avvento in modo adeguato!”.

Vivere fino in fondo l’Avvento è come decidere di prendere una strada panoramica e godersi il panorama, invece di restare incagliati nel traffico delle superstrade. L’Avvento è la “trepidante attesa, la speranzosa anticipazione e la gioiosa preparazione all’ingresso di Dio nelle nostre vite”!


LEGGI ANCHE: Consigli per evitare la tristezza a Natale

5. L’idea sbagliata sul Natale

christmas-236329_1280

Da ragazza il Natale era meraviglioso, entusiasmante. Sapevo che si trattasse di una ricorrenza speciale, santa, ma non capivo che stessimo celebrando ben più di un mero fatto storico. Pensavo che il Natale fosse importante soltanto se divertente. Altrimenti tutto sarebbe stato molto triste, e il Natale non avrebbe potuto fare alcuna differenza. L’Avvento dunque consisteva soltanto nell’aspettativa che il Natale sarebbe stato divertente quanto sperato.

Ma poi ho compreso che il Natale è assolutamente rilevante per le nostre vite in questo esatto momento, e che nella prima venuta di Cristo celebriamo la completa realtà del Suo ingresso nelle nostre vite. Puliamo maniacalmente la stalla dimenticandoci la sporcizia e la paura in cui versava il mondo in cui Lui nacque. Ci dimentichiamo che l’Amore era nel caos di quel primo Natale, e che Cristo – non definito dal tempo – torna ogni anno nel “caos pieno d’amore” del nostro cuore.

Con questa consapevolezza, il Natale ha meno a che fare con la fortuna di passare un tempo piacevole, e più con la solennità e la gioia di celebrare la realtà di un Dio fatto uomo. Per me l’Avvento non fu più una pesante attesa, bensì un periodo di grande ispirazione in cui prepararsi a incontrare Dio, che ci ama così tanto da trovare un rimedio alla nostra fragilità, sotto forma di Suo figlio.


LEGGI ANCHE: 10 cose sull’Avvento che miglioreranno il tuo Natale


Ed ora, come promesso, alcuni consigli musicali!

Prince of Peace – Hillsong United

Mary Did You Know- Pentatonix

Come Thou Fount of Every Blessing- Version by Mumford and Sons

Hymn to the Creator of Light- Rutter

Hail to the Lord’s Anointed- St Paul’s Cathedral Choir

O Come O Come Emmanuel- Austin Stone

The Long Wait- Taize

[Traduzione dall’inglese a cura di Valerio Evangelista]

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Pubblicità
Pubblicità
LOADING...