Aleteia

Cucire peluches per regalare un sorriso. La sfida di un ragazzino di 12 anni

Tasmanian Community Achievement Awards / Facebook
Condividi
Commenta

Campbell Remess, giovanissimo cittadino della Tasmania, occupa il suo tempo libero così. Per il bene degli altri.

Ha 12 anni, è un ragazzino come molti altri, ma a differenza di molti suoi coetanei ha deciso che il suo hobby doveva essere qualcosa di costruttivo, che desse sollievo al prossimo. E così il giovane Campbell quando torna da scuola invece di giocare con i videogames, cuce peluches per i bambini malati dell’ospedale.

Si chiama “Project 365” l’iniziativa che questo straordinario 12enne della Tasmania (in Australia) ha ideato e realizzato per donare un sorriso a quei bambini che spesso non riescono a sentirsi come tutti gli altri. Su Facebook ha ormai raggiunto una audience di 30 milioni di fan e raccolto fondi per un ammontare di più di 8mila dollari. Il tutto con un’idea tutto sommato semplice: realizzare un orsacchiotto al giorno, dedicando alcune ore libere del suo pomeriggio, e poi regalare le sue creazioni a tutti quei bambini costretti a passare le loro giornate in ospedale (Huffington Post).

“Quando avevo 9 anni ho chiesto a mamma e papà se avrei potuto comprare dei regali di Natale per i bambini ricoverati, ma loro mi hanno risposto che costavano troppo. Allora ho deciso di fabbricarli da me”. È così che è nata l’idea semplice ma concretissima e molto importante per le centinaia di piccoli pazienti che ogni giorno ricevono un dono da Bumble – questo è infatti il soprannome del 12enne che ha già realizzato 400 peluches e che, come prossimo impegno, ha quello di organizzare una cena di beneficienza per i malati di cancro.

Davvero una testimonianza luminosa!

Questa storia ha come tag:
generositavolontariato
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni