Spiritualità

Come ha influito sugli angeli la resurrezione di Cristo?

Non sono “spettatori passivi” del grande evento pasquale, al contrario...

http://pixabay.com/en/statue-sculpture-bronze-angel-265421/

Public domain

La presenza degli angeli in tutta la vita di Nostro Signore è un aspetto che la Sacra Scrittura sottolinea apertamente: dall’incarnazione all’ascensione, la vita del Verbo incarnato è circondata dall’adorazione e dal servizio degli angeli (cfr. Catechismo della Chiesa Cattolica, n. 333)

In questo senso, i Vangeli ci mostrano la presenza dei santi angeli nell’evento che è al cuore della nostra fede: la morte e resurrezione di Nostro Signore.

Gli angeli chiedono alle donne che sono andate a cercare il corpo di Gesù al sepolcro: “Perché cercate tra i morti colui che è vivo? Non è qui, è risuscitato” (Lc 24, 5-6).

Questo annuncio degli angeli dell’evento fondamentale per la nostra fede dev’essere compreso all’interno del ruolo che questi occupano nel mistero della salvezza.

Ricordiamo i grandi annunci che si riferiscono in modo espresso e diretto alla persona di Gesù, il primo dei quali è quello di San Gabriele Arcangelo alla Madonna: “Ti saluto, o piena di grazia, il Signore è con te” (Lc 1, 28). “Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa, perché quel che è generato in lei viene dallo Spirito Santo” (Mt 1,20), dice l’angelo a San Giuseppe.