Relazioni

17 cose che ogni donna dovrebbe sapere sugli uomini

Se siete dei sostenitori della "fluidità di genere" preparatevi: tutto quello che segue vi irriterà

Di recente un lettore mi ha dato un suggerimento su un articolo che ho scritto sulla galanteria. Gli è piaciuto, ma si è detto stanco di sentirsi spiegare solo come gli uomini devono comprendere e servire le donne, sostenendo che sia stato scritto davvero poco sulla responsabilità delle donne verso gli uomini. E sebbene sia generalmente preferibile che siano le donne a dare consigli alle donne, e gli uomini agli uomini, colgo l’opportunità (più umilmente possibile) per dare alcuni suggerimenti all donne su come comprendere meglio (e quindi relazionarsi meglio con) il genere maschile. Ovviamente è un percorso fatto di mutualità e può andare a buon fine soltanto quando entrambi i sessi operano in uno spirito di carità e generosità.

Lo scopo finale di questo articolo non è fornire dei modi brillanti per replicare alle donne ingrate e sgarbate che possono esserci là fuori, bensì incoraggiare una profonda comprensione e un sincero apprezzamento tra i sessi. Chi ha orecchi da udire, oda.

Disclaimer: questi sono principi generali, con le dovute eccezioni. Inoltre, se siete dei sostenitori della “fluidità di genere” (cioè dell’opinione secondo la quale non ci sia alcuna differenza sostanziale tra i sessi), preparatevi: tutto quello che segue vi irriterà.

1.  Se un uomo è leggermente silenzioso non vuole dire necessariamente che qualcosa non va

È buono incoraggiare gli uomini a imparare ad esprimersi di più ma, detto questo, non dovreste preoccuparvi ogni volta che sono in silenzio. Quando si tratta di esprimere le proprie emozioni, gli uomini potrebbero diventare riservati, ma questo non dovrebbe essere trattato sempre come un tipo di disturbo psicologico. In realtà, il silenzio a volte è proprio quello che “ordinerebbe un medico”, soprattutto in una situazione che è già emotivamente carica.

Man-Silence

2. Il modo migliore per cambiare il comportamento di un uomo non è tormentandolo, ma piuttosto appellandosi al suo senso di virtù più profondo

Se dite a un uomo che volete che compia un determinato incarico, indicando le vostre esigenze nel modo più preciso possibile, quasi certamente lo porterà a buon fine. Però, se invece vi lamentate dicendo che “fa sempre”, che “non fa mai” o che “non riesce a fare” questa o quell’altra cosa, se la svignerà in preda alla disperazione per poi arrivare a ignorarvi del tutto.

Invece, provate un approccio più positivo e stimolante. Non continuate a ripetere ciò che non ha fatto… piuttosto dite ciò che avete bisogno che lui faccia (e che lui sia). E dite quanto questo sia importante per voi. Per quanto a una donna possa piacere che un uomo capisca certe cose da sé, ci sono momenti in cui dovete ingoiare il vostro orgoglio e dire esattamente cosa il vostro cuore desidera (e non solo cosa vi fa stare male). Lo so, lo so… non è esattamente il consiglio più romantico al mondo, ma sapete cosa è persino meno romantico di questo? Fare spazio all’amarezza perché un uomo sembra che non capisca mai cosa vogliate davvero! In questo modo, forse, potrebbe imparare.

3. Gli uomini sono creature visive

Man-Eyes-e1457719008851

 

Ognuno ha una debolezza, e per qualche ragione gli uomini sono particolarmente vulnerabili sui quattro sensi (su questo aspetto la differenza tra i due sessi è psicologica, fisiologica e neurologia; quindi, per favore, non tirate in ballo gli uomini in costume e senza maglietta). Ovviamente essere orientati verso l’aspetto visivo presenta anche lati positivi ma, in questa cultura iper-sessualizzata è più che appropriato discuterne i lati negativi. Statisticamente parlando, non è un caso che gli uomini lottino contro la pornografia molto di più delle donne.

Non sto proponendo che le donne indossino burqa o muumuu (questa dimostrazione per assurdo è molto popolare). Penso ci possa essere una via di mezzo molto ragionevole. Ad esempio, quando una donna si veste in un certo modo, risultando attraente ma non eccessivamente scoperta, l’uomo è attratto dall’intera persona invece che da un dettaglio del corpo, come invece accade quando ci si sveste. Alcuni si lamenteranno dicendo che gli uomini dovrebbero semplicemente imparare a controllarsi e che spetta a loro controllare le proprie passioni… e sono d’accordo. Ma siamo onesti, se questa è una debolezza degli uomini, perché dovreste infierire, specialmente quando ci sono uomini che non aspettano altro che mettere le mani sulla prossima “preda”?

4. Gli uomini hanno un loro proprio “posto felice”

A volte gli uomini vengono accusati di non essere connessi ai propri sentimenti… e fino a un certo punto è vero. Però non è una questione che si può ridurre così semplicisticamente. Gli uomini sono profondamente emotivi, ma esprimono se stessi in modo molto diverso dalle donne. Quando le cose si fanno dure, invece di mettere sulla pubblica piazza le proprie emozioni, si rifugiano in quello che chiamo “posto felice”. Ecco di cosa si tratta.

È un luogo fatto spesso di nostalgia, un posto dove il sole e la felicità sono la regola del giorno. Per alcuni questo “luogo” vuol dire stare un’ora o due davanti alla televisione, per altri vuol dire invece ascoltare musica anni ’80, per altri ancora il “posto felice” è sinonimo di guardare video delle stelle sportive dei bei tempi che furono. Il punto è che è la loro valvola di sfogo, e dovrebbe essere apprezzato per questo. In altre parole, permettete al vostro uomo di rifugiarsi in questo luogo sicuro e felice… se non vi trascorre troppo tempo. Gli uomini hanno una tendenza naturale a chiudersi nel loro guscio felice ma state sull’attenti, specialmente se inizia a spendervi troppo tempo. Gli uomini hanno bisogno di fuggire e a volte hanno persino bisogno di essere distanti ma, se questo è un aspetto che caratterizza la loro personalità, allora c’è una vera ragione per iniziarsi a preoccupare.

5. Gli uomini prendono il loro “gioco” sul serio come se fosse un lavoro

Man-Kayaking

 

Il modo in cui un uomo può essere in grado di analizzare gli ultimi eventi sportivi, di dibattere tutta la notte con gli amici, di giocare ai videogiochi o di lasciarsi coinvolgere in qualche altra attività non proprio fondamentale, potrebbe sembrare un estremo atto di futilità. Ma ciò che dovete capire è che, ai suoi occhi, la squadra del cuore o qualsiasi altro progetto personale non è una frivolezza. Sì, in effetti non sono passioni che portano a casa la pagnotta, né sono attività che salveranno il mondo, ma per l’uomo è – non senza un richiamo ancestrale – uno sbocco creativo che gli permette di compiere in modo “eroico” quelle attività ritenute essenziali. Non devi diventare una fan di ogni cosa che lo appassiona, ma comprendere ciò che rappresenta per lui potrebbe evitarti di considerarla l’ennesima disavventura senza senso. Mostrare un minimo di interesse e di curiosità in ciò che interessa al tuo compagno può portare lontano, persino se il suo interesse ti dovesse lasciare perplesso… come ad esempio la passione che ha mia moglie per lo shopping.

6. Gli uomini fanno coincidere il lavoro con il valore

Questo non significa che gli uomini vogliono essere infelici nel lavoro, ma ci sono cose che gli uomini odiano più dello stress da lavoro. Sebbene nessuno dei due sessi vede la disoccupazione come una cosa positiva, l’uomo in particolare associa l’inattività con l’inutilità (anche quando non c’è gran voglia di lavorare). A causa della loro fecondità biologica, le donne hanno un’identità innata nel tessuto stesso del loro essere. Gli uomini possono anche sviluppare un forte senso di identità, ma generalmente in questo aspetto tendono a restare indietro, rispetto alle donne. Spesso gli uomini tendono a scoprire il loro scopo nel lavoro che compiono e nel fatto che le proprie famiglie dipendono da loro stessi.

Se gli uomini si sentono rispettati in queste aree, è più probabile che siano felici. Ovviamente gli uomini hanno bisogno di amore, sì, ma danno uguale valore (se non di più) all’idea di essere rispettati e valorizzati nel modo in cui contribuiscono al sostentamento della casa. E questo non è del tutto slegato dalle onnipresenti pubblicità che propongono un’incremento del livello maschile di testosterone. Se un uomo si sente “impotente” in alcuni aspetti essenziali della propria vita, è lì che si può annidare la depressione. Perché è importante parlare di questo? Perché quando l’uomo si sente impotente e insignificante, vedendosi come un insieme di fallimenti, le cose vanno per il verso sbagliato per lui e per chiunque gli sia accanto. Meno un uomo si sente “maschio”, maggiormente prendono forma la depressione e i comportamenti anti-sociali.

Nota: La mascolinità a cui mi riferisco non deve essere confusa con il “machismo”, che è una sorta di mascolinità adulterata, ma va piuttosto collegata a quelle caratteristiche associate con le virtù eroiche.

7. Gli uomini hanno bisogno di sapere di essere importanti

Relationship

 

Uno degli obiettivi dell’ultra-femminismo è provare agli uomini che in realtà non sono affatto indispensabili e che le donne sono interamente autosufficienti. Buon Dio, c’era forse bisogno di un movimento per dimostrare tutto questo? Oggi le donne possono fare, e lo fanno, tutto ciò che fanno gli uomini. E sebbene questo sia fantastico sotto molti punti di vista, non sempre ha portato ai risultati sperati. Perché? Semplicemente perché la chiave della felicità non è fare ciò che si vuole. Per essere felici (e per essere migliori come esseri umani), è necessario che entrambi i sessi aiutino l’altro a diventare la migliore versione di se stessi. Solo quando il principio femminile e quello mascolino sono uniti, lavorando in complementare sinergia, può esserci quell’armonia di cui il mondo ha un disperato bisogno (e, se proprio insistete e volete saperlo, sappiate che questo è un principio squisitamente trinitario).

Questo risultato però non può essere raggiunto se entrambi i sessi non ascoltano attentamente l’altro e la smettono di atteggiarsi a nemici giurati. Mi spiego.

Viviamo in un mondo che sta iniziando a sembrare una versione patetica di Annie Get Your Gun. Sì, l’abbiamo capito, non avete bisogno di noi e potete fare tutto per conto vostro… ma è veramente questo il punto? Sto semplicemente facendo osservare qualcosa che spesso le donne usano con gli uomini (cioè che vincere una discussione con chi si ama non sempre significa uscirne vincitori). Se volete sinceramente sapere cosa rende felici gli uomini, ecco qui: ciò di cui ho bisogno è sapere che tu hai bisogno di me e, cosa ancora più importante, sapere che tu vuoi che io faccia l’eroe per te. E che la mia presenza nel mondo può fare la differenza in positivo, nonostante ci siano uomini che facciano la differenza in negativo. Quindi permettimi di fare (o addirittura chiedimelo espressamente) quelle piccole stupidaggini per te e fammi sentire apprezzato (anche se mi fai sentire più apprezzato di quanto dovresti… mi riferisco a cosette tipo uccidere i ragni come se stessi neutralizzando un ladro intrufolatosi in casa). Per me avrà un significato maggiore di quanto tu possa capire. Forse tu mi lascerai persino fare grandi cose per te, sì, anche se pensi di poterle fare da sola. Potremmo essere “sciocchi come dei cani” a volte, ma ricordati che i cani sono vogliono attenzione ma possono essere più che leali. La linea da oltrepassare è questa: smettetela di essere così auto-referenziali e sospettose. Non compiamo tutti questi atti di galanteria perché riteniamo che voi siate più deboli di noi, ma perché vogliamo onorarvi!

8. Trattate gli uomini come se fossero bambini e saranno felici di impegnarsi

Ad esempio, se le madri facessero ogni cosa per i propri ragazzi, questi non imparerebbero mai a comportarsi da uomini con voi. E se le moglie facessero ogni cosa per i propri mariti, questi ultimi scanserebbero ogni fatica e fareste tutto voi. Non dico che le madri e le mogli non dovrebbero muovere un dito per gli uomini della loro vita, ma dico che se fanno tutto le donne, gli uomini non impareranno mai a servirvi. In questo caso la generosità da parte delle donne può in realtà rivelarsi un vizio di egoismo, se considerato l’intero contesto delle cose.

Nella maggior parte dei casi è meglio dare che ricevere, ma in questo caso è meglio ricevere che dare. Lo so, può sembrare essere accusati di dare troppo (Marta, oh Marta), ma in effetti può essere un autentico vizio, specialmente se impedisce agli altri l’apprendimento del servizio. “Faccio tutto per lui, ma lui non alzerebbe un dito per aiutarmi”. Se continuate a fare tutto voi loro continueranno a essere i narcisisti di sempre, e l’unica cosa di cui potrete essere certe è che loro sono degli egoisti e voi delle inguaribili generose. È vero, è così: il vostro vizio è più empatico del loro ma, se non siete voi a chiedere di più, siete colpevoli quanto loro.

9. Se hai delle alte aspettative nel vostro rapporto, qualsiasi cosa tu faccia, non abbassare i tuoi standard morali

Young woman leading man

 

Questa è una tentazione comprensibile, specialmente quando gli uomini tendono a spingere le donne ad abbassare i propri standard. E forse le donne si sentono come se avere degli standard troppo alti le facesse perdere delle persone, tutto sommato, buone. Non credere a questa bugia. Uno dei metodi per mettere alla prova la caratura morale di un uomo è vedere se ha o meno autocontrollo e, ugualmente importante, se ti rispetta abbastanza da onorare la tua integrità. Non dico assolutamente di tendergli una trappola morale, dico anzi che non essere esigenti è la vera trappola. Questo atteggiamento ti renderebbe più vulnerabile e soggetta ad essere lasciata; inoltre vorresti davvero stare con un uomo che ti lascerebbe perché riconosci la bellezza e il potere del sesso? Dall’altro lato, un uomo che mostra autocontrollo e sfida se stesso su questo livello resterà più probabilmente integro a lungo termine. Inoltre, gli uomini che mostrano controllo di sé sono più propensi a spendere tutta l’energia non utilizzata con il romanticismo, piuttosto che con la lascivia.

10. La via al cuore dell’uomo passa davvero per la gola

Ho sempre sottovalutato questo proverbio d’annata, ma appena mi sono sposato mi sono reso conto di quando fosse vero (in parte perché mia moglie è un cuoco fenomenale). Ma anche se non sai cucinare, c’è una verità importante in questa frase. Gli uomini sono una specie di creatura solitaria e anche quando sono abbastanza fortunati da avere una famiglia, possono sentirsi come se fossero fuori, sulla strada, osservando cosa accade dentro casa. È importante che le donne comprendono che il lato solitario dell’uomo può diventare infelice e doloroso se non incanalato.

Quello che sto cercando di dire è che l’uomo ha bisogno del calore materno di una donna per sentirsi a essa connessa e per sentire che qualcuno si prende cura di lui. Se non riceve questo calore, potrebbe essere tentato di cercarlo altrove, danneggiando le principali relazioni della sua vita. Gli uomini potrebbero essere particolarmente vulnerabili a questa tentazione dopo la nascita dei bambini, o anche quando la moglie è fuori casa per molto tempo. Potreste dire che questa cosa è reciproca, ma per un uomo ha un peso particolare perché la presenza femminile nella sua vita è la chiave per il raggiungimento del suo scopo nel mondo. Mi viene tristezza e un senso di solitudine al solo pensarci, quindi andiamo avanti…

11. Gli uomini non vogliono ascoltare i vostri problemi, vogliono risolverli

 

Succede abbastanza spesso che quando una donna vuole sfogarsi con un uomo parlando di questo o di quel problema, la conversazione prende una piega “da interrogatorio”. La donna cerca un minimo di commiserazione, mentre l’uomo cerca una soluzione. Paradossalmente il motivo del fastidio passa dal problema originale all’incomprensione tra coniugi. Questo insuccesso comunicativo può essere risolto ammettendo che entrambe le parti devono allargare i propri orizzonti. Gli uomini devono comprendere che le loro mogli (o le loro amiche di sesso femminile) non sono delle equazioni da risolvere o dei problemi da sistemare. E le donne devono comprendere che lamentarsi non porta a nulla e che, per quanto sfogarsi possa sembrare magnifico, l’ideale sarebbe non avere niente di cui sfogarsi.

12. Gli uomini tendono a vedere la foresta, mentre le donne tendono a vedere gli alberi

Le donne tendono ad avere un approccio personalistico al mondo, mentre gli uomini tendono a inquadrare con logicità l’intera situazione. Ad esempio, alcuni anni fa insegnavo a scuola (anni luce fa). Ho visto un’alunna copiare gli esercizi da un suo compagno. Quando i genitori di lei furono chiamati per un colloquio, la madre ha provato a razionalizzare il comportamento (dicendo che la bambina era confusa e non sapeva la risposta), mentre il marito ha semplicemente guardato le due verifiche, per poi affermare rassegnato: “Sì, i compiti sono identici… chiaramente ha copiato”. Abbiamo tutti bisogno di qualcuno che prende le nostre parti, ma abbiamo anche bisogno di qualcuno che ci faccia essere oggettivi. Sapere che qualcuno ci conosce e si prende cura di noi in modo così intimo è assolutamente necessario affinché si abbia un’esistenza sana.

Però questo approccio “personalistico” non implica che siamo obbligati a evitare completamente il buon senso. Il fatto che qualcuno che tu ami abbia le mani legate non vuol dire che non sia responsabile per le proprie azioni. Inoltre, l’approccio freddo e dogmatico della “foresta” è tanto importante quanto quello individualistico e tenero degli “alberi”. Se non ci dovessero essere entrambi questi aspetti, non si potrebbe avere una società felice e giusta. A margine va fatto notare che questo spiega perché gli uomini non possono vedere il latte nel frigorifero che è proprio sotto i suoi occhi. Dopotutto, quando gli uomini guardano nel frigorifero vedono solo un insieme indistinto di cose, mentre le donne hanno la capacità di vedere i singoli oggetti. Forse, di nuovo, è solo la mia immaginazione.

13. Gli uomini tendono a sottovalutare i propri sentimenti, mentre le donne a ingigantirli

Guy-Staring

 

La ragione per cui questo è un dettaglio importante è data dal fatto che potrebbe spiegare la differenza radicale nel modo in cui un uomo e una donna rispondono alla medesima situazione. Ad esempio, se preparate la cena e lui dice qualcosa come “…non era così male”, probabilmente voleva dire “questo piatto è strepitoso!”; se dice che il piatto che gli avete preparato “è strepitoso”, vuol dire che lo avete mandato in estasi”. Quindi, non misurate i suoi sentimenti interpretando letteralmente ciò che dice. L’uomo usa delle parole deludenti come “in realtà” e “non così male” perché , come Danny Zuko nel film Grease, vuole mostrarsi calmo persino quando vi fa un complimento. Invece quando una donna dice qualcosa come “dovresti decisamente uscire con questa ragazza, è così carina!” in realtà la ragazza in questione potrebbe essere bruttina. Infatti più “in realtà” lei usa, più dovresti “realmente” preoccuparti. Noi uomini siamo forse superficiali per dire queste cose? Probabilmente sì.

14. “Non riesci proprio a capirmi…”

Uno dei più grandi ostacoli per l’amore e l’appagamento relazione è la sensazione di non essere ascoltati o compresi dall’altra persona. Forse è per questo motivo che le persone si urlano a vicenda quando litigano. Ciò che è fondamentale comprendere di un litigio con chi si ama è che il fatto di sentirsi innocenti non libera necessariamente dalle conseguenze della colpa stessa. “So che stasera non volevi umiliarmi, ma è così che mi sono sentito!”. Il punto è che a prescindere dalle intenzioni, questa è la loro percezione e cambia poco provare a dire che sbagliano a sentirsi nel modo in cui si sentono.

Non significa che voi non dobbiate condividere le vostre intenzioni, ma che le vostre intenzioni non portano a nulla nel “tribunale della percezione umana”. Purtroppo, se questo sottile dettaglio non è ben compreso da entrambi i sessi, potrebbe prendere piede la mentalità del “non riesci proprio a capirmi”, del “non sei capace di”, del “non mi ascolti nemmeno” o del “non farai mai”. Se vi ama, farà ogni cosa a lui possibile per farvi stare bene e per comprendervi. Ma almeno dategli una possibilità!

Per favore, non ricorrete subito alla carta del “mai” o del “sei incapace”. Piuttosto spiegategli come vi sentite come se stesse spiegando una lingua a qualcuno che non l’hai mai parlata. Non sempre potreste comprendervi totalmente, ma molto può essere superato se a entrambi importasse sufficientemente ascoltare e comunicare con l’altro.

15. Il romanticismo richiede lavoro da entrambi i lati

Love-Relationship

 

Nel film Viaggio in Inghilterra (in inglese: The Shadowlands), C.S. Lewis, interpretato dal pluripremiato Anthony Hopkins, chiede la mano di una donna (di nome Joy) che sta morendo di cancro. In questa scena particolare, aggiunge una frase che non ha niente di romantico: “Beh, penso che dovremmo procedere e sposarci, allora…”. Joy replica con ironia: “Se c’era una proposta in quella frase, devo essermela persa”. Il punto è che gli uomini a volte dovrebbero prendere lezioni di romanticismo. Sì, le donne detestano anticipare cosa l’uomo deve dire (perché sembra essere l’opposto del romanticismo), ma a volte noi abbiamo bisogno di qualche aiuto. Un uomo non può essere spontaneo da nulla. Forse si è perso l’abc del romanticismo, cioè cosa vuol dire introdurre la creatività in amore. Non sto dicendo che dovreste continuamente punzecchiarlo su questa cosa, ma forse l’uomo avrebbe bisogno di qualche istruzione e forse dovreste dirgli chiaramente che il suo impegno in questo ambito è fondamentale affinché ci sia benessere di coppia.

In ogni caso, che i partner si sentano romantici o meno, lo sforzo deve essere fatto. Agli occhi di una donna questo potrebbe essere l’opposto della definizione di romantico. Ma, come qualsiasi altra virtù, deve essere pratica se vuole diventare realtà. Entrambi i partner potrebbero sentirsi stanchi e potrebbero non sentirsi di sforzarsi verso l’obiettivo, a volte potrebbe esserci la sensazione di fare le cose a vuoto. Però, non è comunque un romanticismo migliore di quello che a volte si vede – anche in alcune tristi coppie anziane – in cui i coniugi hanno poco o nulla da dirsi a cena?

16. Memo per le donne: non diventate volgari e barbare come gli uomini

Una delle peggiori evoluzioni del femminismo odierno è la tendenza delle donne a non imitare i lati migliori dell’uomo, bensì quelli peggiori. Ora abbiamo vera uguaglianza dei sessi, uno schiamazzare sfrenato di barbare che farebbero arrossire qualunque uomo! Sì, questo è il trionfo delle lotte per i diritti delle donne: dire volgarità e andare a letto con chiunque, senza un briciolo di coscienza. Per quanto mi riguarda, sapevo che le cose erano cambiate quando ho scoperto Snapped (grazie Oprah), un programma esclusivamente dedicato agli omicidi macabri commessi da donne. Potere alle donne! Seriamente, gli uomini sono delle bestie già per conto loro, abbiamo davvero bisogno di avere una prova che le donne possono essere tanto tremende quanto noi?

17. Gli uomini imparano la mascolinità dai loro padri

Young woman leading man

 

Se tutto gli era dovuto, quando era bambino, aspettatevi lo stesso anche nel vostro rapporto. Se aveva una relazione distante col padre, aspettatevi una distanza emotiva anche nei vostri confronti. Se non ha visto molto calore tra i genitori, potrebbe avere difficoltà nel mostrarvi affetto. Se suo padre non gli ha insegnato come pregare, non siate sorprese quando trasmetterà la stessa indifferenza ai suoi figli. Se non ha mai ricevuto insegnamenti su come essere uomo nel migliore dei significati, beh… hai capito dove vado a parare. Questo non vuol dire che tutto il danno fatto è irreversibile (è proprio questo il punto), ma ci saranno delle sfide. Se riuscite a comprenderle, forse riuscirete a fare in modo che il vostro uomo possa superarle al meglio.

Un “cane” vecchio può imparare nuovi trucchetti quindi, per favore, qualsiasi cosa facciate, non arrendetevi con noi! E ricordate di appellarvi, con istruzioni precise, al nostro senso dell’onore e della virtù. Evitando i due estremi (ad esempio non rimproverate troppo e non trovate delle scuse). Se solo potessimo avere queste basi minime, saremmo in grado di fare miracoli. So che siamo semplici come dei cani, quindi semplificateci le cose. Ora però vi chiedo: perché siete ancora interessati a noi?

Sean Chapman – Man in the Woods

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

[Traduzione dall’inglese a cura di Valerio Evangelista]

Pubblicità
Pubblicità
LOADING...