Chiesa

8 anni fa nasceva al cielo Chiara Lubich “donna di pace”

La nostra intervista a Irena Konda, focolarina e assistente sociale dell'associazione croata "Insieme verso un mondo unito"

8 anni fa nasceva al cielo Chiara Lubich “donna di pace”

© Irena Konda

Il 14 marzo di otto anni fa moriva Chiara Lubich circondata dall’affetto e dalla preghiera di tantissimi amici. «(…) donna di intrepida fede, mite messaggera di speranza e di pace», la definì Papa Benedetto XVI nel discorso che inviò al cardinale Tarcisio Bertone in occasione dei funerali nella basilica romana di San Paolo fuori le mura. Papa Francesco nel gennaio 2015 all’avvio della causa di beatificazione invitò a «far conoscere al popolo di Dio la vita e le opere di colei che, accogliendo l’invito del Signore, ha acceso per la Chiesa una nuova luce sul cammino verso l’unità».

Quest’anno la riflessione in merito al messaggio e al carisma di Chiara Lubich, iniziatrice dell’Opera di Maria – Movimento dei Focolari, si è concentrata sul tema dell’educazione alla pace. I frutti nati in seno alla sua vocazione sono innumerevoli e straordinari, e in occasione dell’ottavo anniversario della sua nascita al cielo, vogliamo ricordarla raccontando l’esperienza di un’associazione di Spalato “Insieme verso un mondo unito” per offrire un assaggio di quella fraternità universale, concetto molto prezioso per la maestra trentina.

Abbiamo avuto il piacere di parlare al telefono con Irena Konda, focolarina da trent’anni e assistente sociale di “Insieme verso un mondo unito”, che ci ha presentato lo spirito e le attività dell’associazione.

Cara Irena, ti va di parlarci della tua esperienza?

Vivo a Spalato da sei anni, qui portiamo avanti come movimento dei Focolari diverse attività: con i bambini, le famiglie, gli anziani. Quello che mi muove è il desiderio di trasmettere alle persone, specialmente ai giovani, la gioia di vivere, perché ho sperimentato nella mia vita come donare ti ricolmi di una felicità grande che nessun’altra cosa può offrire.

P1300307

Come è nata l’associazione “Insieme verso un mondo unito”?

A Spalato è più facile coinvolgere le persone, in particolare i giovani e i bambini, se hai un’associazione. Non basta far parte del movimento dei Focolari, perché il nostro è un “recipiente” enorme e la gente ha bisogno nella quotidianità di far parte di un gruppo più piccolo e raccolto. Per questo nel 2010 è nata l’idea di creare un’associazione che riunisse i bambini, i giovani, le famiglie, per trasmettere i valori che viviamo noi focolarini.